Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista

progressi nei veicoli elettrici

L'unico, autentico, inimitabile....

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda IlFaco » sab nov 11, 2017 1:40 am

Perdonami l'insistenza ma questa è la normativa italiana di riferimento (CEI 23-50): http://www.tanyubin.com/wp-content/uplo ... 9A2007.pdf

In nessun paragrafo si fa riferimento ai "duty cycle" che sostieni, una presa da 16A è dimensionata per qul valore nominale di corrente senza se e senza ma (attenzione che per gli adattatori il discorso cambia). Credimi, in Italia abbiamo normative elettriche molto severe e a prova di pippe mentali.

Se hai riscontrato anomalie termiche sui tuoi collegamenti ti invito seriamente a rivedere le connessioni perchè con ogni probabilità non sono adeguate al carico. Quel calore che senti sono soldi che stai buttando, inoltre le alte temperature nel lungo periodo portano al prematuro deterioramento dei materiali isolanti con la possibile esposizione a seri rischi.
Avatar utente
IlFaco
Utente Registrato
 
Messaggi: 86
Iscritto il: mer ott 21, 2015 6:00 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: Nevada i.e. '07
ex Griso 1100 '10

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Athlon » sab nov 11, 2017 1:59 am

il duty cycle e' stato valutato in commissione durante la stesura delle norme , per le domestiche il rating non e' stato fatto prevedento un uso continuativo ( purtroppo ) , sto infatti lavorando per far aggiornare le norme perche' purtroppo quelle attuali possono causare pericoli se invece le prese domenstiche vengono usate per uso continuativo come accade per la ricarica dei veicoli elettrici
Avatar utente
Athlon
Utente Registrato
 
Messaggi: 1432
Iscritto il: mer nov 19, 2003 6:22 pm
Località: Sono qui per colpa di SIX

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda IlFaco » sab nov 11, 2017 2:35 am

Nella stesura delle normative si è verificato in modo empirico il caso peggiore nel quale i singoli elementi dell'impianto si potessero trovare a lavorare e quello (più eventuali valori di correzione) è diventato il valore a disposizione della casalinga di Voghera.

Caso mai sarei più preoccupato dalla possibilità da parte della casalinga di utilizzare cavi di prolunga o adattatori non idonei, in questo caso non esiste normativa che tenga ma è solo una questione di istruzione, e a mio avviso sarebbe anche giunto il tempo di dedicargli una parte del manuale di scuola guida (una cosa del tipo: "Norme e tecniche comportamentali per la ricarica di veicoli a trazione elettrica").
Avatar utente
IlFaco
Utente Registrato
 
Messaggi: 86
Iscritto il: mer ott 21, 2015 6:00 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: Nevada i.e. '07
ex Griso 1100 '10

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » sab nov 11, 2017 8:20 am

Non dimentichiamo che la maggior parte delle case ha parecchi anni e impianti elettrici superati. La mia caffettirra elettrica consuma 10A per pochi minuti, e così la stufetta elettrica che uso. Non mi azzarderei a superare i 10A con un impianto elettrico vecchio di 40 anni.
10A notturni per 8 ore fanno 18 kWh di carica, con cui un'auto leggera potrebbe fare 150 km, come dice Athlon. Di più non chiedo.
Il vero problema è il costo di una batteria da 20 kWh, che fa salire il costo dell'auto che la porta a 20.000 euro.
Con metà di quella spesa potrei comprare una utilitaria con una autonomia teoricamente infinita.
Se invece si parla di uno scooter elettrico con una batteria di 2 kWh che fa salire il prezzo di poche centinaia di euro e si ricarica nell'intervallo di pranzo, ci può stare.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Elk » sab nov 11, 2017 8:34 am

Athlon ha scritto:una shuko da casa in teoria tiene 10 Ampere , normalmente per sicurezza la si usa a massimo 8 ampere che per 10 ore notturne sono 18kwh imbarcati , una auto normale con questa energia percorre circa 130-160km

In Italia 10A è il massimo?
Qui il 16A sul 220V è normale, poi c’è la forza che fa 25A su tre fasi...
Avatar utente
Elk
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 3903
Iscritto il: gio ago 20, 2009 3:16 pm
Località: Svizzera
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV - '98 - Lizbeth
1100 T3 California '95 - Cinghiala
(ex) SP 1000 VG - '83 - Baghera
850 T3 California '77 - Marilyn
Stornello Sport America - '66 - Il Mulo

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gabrielebig » dom nov 12, 2017 9:33 pm

In Italia quasi tutti hanno 3,3kW, 16A, ma si possono aumentare a 6kW senza fare modifiche. Basta chiedere al gestore.
Avessi un auto elettrica farei installare i 6kW e tirerei cavi nuovi dal generale alla presa.
Con quello che costa una auto, non saranno certo qualche cento euro di elettricista a fare la differenza! E vuoi mettere la sicurezza di un lavoro ben fatto? Altro che adattatori.
25A tutta notte, e ne fai di strada...

A voler fare gli sboroni, si potrebbe installare addirittura la 380. Perché no.
Avatar utente
gabrielebig
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 5825
Iscritto il: lun feb 05, 2007 2:49 pm
Località: Salo'
La/le tua/e Moto Guzzi: - V7 '73 -

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Elk » dom nov 12, 2017 11:08 pm

Ah, ok... è come qua. Mi pareva poco 10A.

Comunque a proposito di Tesla...

https://youtu.be/Axevn12L8KI
Avatar utente
Elk
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 3903
Iscritto il: gio ago 20, 2009 3:16 pm
Località: Svizzera
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV - '98 - Lizbeth
1100 T3 California '95 - Cinghiala
(ex) SP 1000 VG - '83 - Baghera
850 T3 California '77 - Marilyn
Stornello Sport America - '66 - Il Mulo

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda FlyOne » lun nov 13, 2017 3:30 pm

Qualcuno qui nel forum lavora nel settore moto elettrica/motore elettrico mobilità sostenibile?
Devo organizzare un convegno sul tema, in occasione di una 3 giorni di motoevento l'anno prossimo nelle Marche: i V-Days.
Sto cercando relatori, aziende interessate a partecipare, eventuale esposizione prodotto o test ride.
Grazie.
MOO-TOO GUZZIIII LA RALLA LA RALLA LA LA!
Avatar utente
FlyOne
Utente Registrato
 
Messaggi: 1887
Iscritto il: sab dic 11, 2004 2:25 am
Località: ancona
La/le tua/e Moto Guzzi: MGX-21 Aquila Reale.
L'Astronave Madre.

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » lun nov 13, 2017 3:34 pm

Si...Athlon
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » mar nov 14, 2017 11:35 pm

Elk ha scritto:Ah, ok... è come qua. Mi pareva poco 10A.

Comunque a proposito di Tesla...

https://youtu.be/Axevn12L8KI

Una crisi di Tesla e di Musk segnerebbe uno stop o un rallentamento grave dell'auto elettrica... :-(

Spero non succeda...
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Betto » mer nov 15, 2017 10:34 am

Elk ha scritto:Comunque a proposito di Tesla...

https://youtu.be/Axevn12L8KI
Ma ho provato a guardarlo, ma mi sembra un tipo che parla senza dire molto.
Servirebbe qualche dato certo in più.
Avatar utente
Betto
Utente Registrato
 
Messaggi: 4808
Iscritto il: dom apr 06, 2008 11:54 am
Località: Zena
La/le tua/e Moto Guzzi: Quota 1000 1998 - km 140.000
V11 Le Mans 2004 - km 50.000

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gabrielebig » mer nov 15, 2017 11:02 am

Per come ho capito i vari articoli il problema è pratico-industriale, non sistemico.
Mi spiego: riescono a consegnare solo 300 Model3 alla settimana invece delle 1500 previste.
Siccome tutto è finanziato all'ultimo centesimo, devono rispettare previsioni di cashflow da cui dipendono le scadenze del finanziamento.
Se escono un quinto delle auto previste, entra un quinto del contante che Tesla deve ritornare ogni trimestre. Capisci che in poco tempo si accumulano debiti mostruosi. Il problema è industriale-organizzativo, sono certo che troveranno il modo di aumentare la produzione.

Piuttosto, ora l'esistenza stessa di Tesla è nelle mani della banca più che mai.
Mi auguro che gli concedano fiducia (e un bel fido!)
Avatar utente
gabrielebig
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 5825
Iscritto il: lun feb 05, 2007 2:49 pm
Località: Salo'
La/le tua/e Moto Guzzi: - V7 '73 -

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Betto » mer nov 15, 2017 11:30 am

:ok:
Grazie
Avatar utente
Betto
Utente Registrato
 
Messaggi: 4808
Iscritto il: dom apr 06, 2008 11:54 am
Località: Zena
La/le tua/e Moto Guzzi: Quota 1000 1998 - km 140.000
V11 Le Mans 2004 - km 50.000

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » gio nov 16, 2017 8:14 pm

Intanto non so chi si è già stufato dell'elettrico e ha manipolato una Tesla per metterla in condizzioni di viaggiare con l'idrogeno. L'ha chiamata Hesla, naturalmente. Sono degli olandesi. Articolo su La Stampa.
Cioè al posto di mezza tonnellata di batterie ci hanno messo delle bombole di idrogeno e una fuel cell. Pare che l'autonomia aumenti a 1000 km.

In fondo sempre dall'elettricità si passa, per produrre l'idrogeno dall'acqua. Elettricità da fonti di energia rinnovabili o dal contatore di casa, non importa.
Intanto hanno eliminato metà del costo dell'auto, quello delle batterie, così hanno fregato i musi gialli.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » gio nov 16, 2017 9:11 pm

Intanto per la produzione di elettricita sembrano andare avanti gli esperimenti per la fusione...

http://www.ansa.it/canale_scienza_tecni ... 830f2.html
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda noise[is]kinky » ven nov 17, 2017 9:17 am

Immagine

Immagine

i camion di tesla
calm down,it's only ones and zeros

'dret m'vijn' (cit. mia nonna)
Avatar utente
noise[is]kinky
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: gio lug 05, 2007 11:35 am
Località: mandello3 (near Pontedera)
La/le tua/e Moto Guzzi: Vundisci Cafè Sport
Kagatiemme 990 Avenciu
AfricaTwin 750 RD04 refactoring

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » ven nov 17, 2017 9:32 am

noise[is]kinky ha scritto:i camion di tesla

Dati tecnici?

Perché il camion che deve viaggiare continuamente con molta potenza (siamo sui 4/500 CV) e grande carico attualmente mi pare il mezzo
meno adatto per essere elettrico...
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Elk » ven nov 17, 2017 10:16 am

Cane ha scritto:
noise[is]kinky ha scritto:i camion di tesla

Dati tecnici?

Perché il camion che deve viaggiare continuamente con molta potenza (siamo sui 4/500 CV) e grande carico attualmente mi pare il mezzo
meno adatto per essere elettrico...

Invece qua in svizzera ci sono già aziende che usano camion elettrici con piena (dicono) soddisfazione.
Non dimenticare che l’elettrico diventa valido nel piccolo cabotaggio e questo vale ovviamente anche per i camion...
Pensa alle consegne, dove spesso oltretutto si parla di grandi volumi e pesi contenuti, l’eletrrico è certamente una validissima alternativa. Coop Svizzera (http://www.cooperazione.ch/Trionfo+per+ ... +elettrico) ha per esempio in coso dei test dal 2014 con un veicolo da 18t. Migros, altra catena di supermercati, ha in corso un’altra sperimentazione con bilici da 28t a gas, a idrogeno ed elettrici ricaricati solo con energia prodotta da pannelli o di produzione idroelettrica.
Siamo agli inizi, ma si fa sul serio... :ok:
Avatar utente
Elk
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 3903
Iscritto il: gio ago 20, 2009 3:16 pm
Località: Svizzera
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV - '98 - Lizbeth
1100 T3 California '95 - Cinghiala
(ex) SP 1000 VG - '83 - Baghera
850 T3 California '77 - Marilyn
Stornello Sport America - '66 - Il Mulo

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » ven nov 17, 2017 10:39 am

Elk ha scritto:Non dimenticare che l’elettrico diventa valido nel piccolo cabotaggio e questo vale ovviamente anche per i camion...

Era questo che volevo dire....poi la svizzera e' piccola...mezzi medi di consegna e altro ci possono stare...

Io ho uno zio con due camion veri, conosco gli autisti, fare lunghi tragitti per l'italia e' normale, stare poco fermi e' normale...
In questo genere di trasporto l'elettrico secondo me e' ancora molto lontano...
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Elk » ven nov 17, 2017 10:51 am

Cane ha scritto:
Elk ha scritto:Non dimenticare che l’elettrico diventa valido nel piccolo cabotaggio e questo vale ovviamente anche per i camion...

Era questo che volevo dire....poi la svizzera e' piccola...mezzi medi di consegna e altro ci possono stare...

Io ho uno zio con due camion veri, conosco gli autisti, fare lunghi tragitti per l'italia e' normale, stare poco fermi e' normale...
In questo genere di trasporto l'elettrico secondo me e' ancora molto lontano...


Ovvio... per questi trasporti si dovrà optare per altri vettori, penso al treno. Purtroppo credo che l'Italia sia molto in dietro nello sviluppo del traffico merci combinato (Treno/Strada), lo dimostra l'intasamento di camion sull'autostrada nord/sud ed il sistema intermodale Hupac che di fatto inizia/finisce a Milano (gestito dalla Svizzera).
Questo non significa però che questa sia la strada giusta, non ha senso avere camion (magari euro6 taroccati) che partono dai grandi porti del Mediterraneo e si mettono in strada per il profondo nord e viceversa... il camion, avrà futuro SOLO per i trasporti dalle stazioni agli utenti finali e viceversa!
Avatar utente
Elk
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 3903
Iscritto il: gio ago 20, 2009 3:16 pm
Località: Svizzera
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV - '98 - Lizbeth
1100 T3 California '95 - Cinghiala
(ex) SP 1000 VG - '83 - Baghera
850 T3 California '77 - Marilyn
Stornello Sport America - '66 - Il Mulo

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Google [Bot], luca corradi, Sil.TN, Vladimiro e 31 ospiti