Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista

progressi nei veicoli elettrici

L'unico, autentico, inimitabile....

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda giancarloessezeta » ven ott 05, 2018 4:54 pm

Purtroppo però un gruppo di fanatici di droni ha scoperto interi 'giacimenti' di 3 finite...
Musk non ha organizzato trasporto e consegna ai clienti.
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9442
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Athlon » ven ott 05, 2018 5:30 pm

giancarloessezeta ha scritto:Purtroppo però un gruppo di fanatici di droni ha scoperto interi 'giacimenti' di 3 finite...
Musk non ha organizzato trasporto e consegna ai clienti.


:rollin :rollin :rollin :rollin :rollin ancora che gira quella bufala , sono i depositi per l'imbarco su nave , non portano le auto quando la nave arriva in porto , le preparano prima che la nave arrivi e apppena la nave e' in porto vengono caricate tutte insieme
Avatar utente
Athlon
Utente Registrato
 
Messaggi: 1631
Iscritto il: mer nov 19, 2003 6:22 pm
Località: Sono qui per colpa di SIX

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » ven ott 05, 2018 9:17 pm

Ho lasciato l'Autobrennero all'uscita di Affi e, subito dopo il casello, ho trovato una piazzolona con ben 16 colonnine di supercharger Tesla.
(Al solito, sulle autostrade italiane non gliele fanno mettere.)
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 800
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » ven ott 05, 2018 9:37 pm

E perché? :evil:
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2018
 
Messaggi: 32787
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda giancarloessezeta » ven ott 05, 2018 9:42 pm

Perché i benzinai in autostrada pagano COSPICUE fees alla benemerita...
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9442
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda giancarloessezeta » ven ott 05, 2018 9:59 pm

Athlon ha scritto:
giancarloessezeta ha scritto:Purtroppo però un gruppo di fanatici di droni ha scoperto interi 'giacimenti' di 3 finite...
Musk non ha organizzato trasporto e consegna ai clienti.


:rollin :rollin :rollin :rollin :rollin ancora che gira quella bufala , sono i depositi per l'imbarco su nave , non portano le auto quando la nave arriva in porto , le preparano prima che la nave arrivi e apppena la nave e' in porto vengono caricate tutte insieme


Dallas? Las Vegas? Salt lake city?
https://www.rivistastudio.com/auto-tesla/
Porti d'imbarco...
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9442
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » ven ott 05, 2018 10:00 pm

Vorrei spendere due parole sulla presunta inadeguatezza della rete di colonnine di ricarica in caso di boom dei veicoli elettrici.

Anche con tempi di ricarica di soli 30-45 minuti, i tempi di attesa alle colonnine sarebbero insostenibili. Però c'é da tener conto anche di un altra cosa, anzi di due: la prima è che i primi acquirenti delle auto elettriche "a prezzi umani" saranno senza dubbio quelli che possiedono una presa di corrente nel parcheggio privato/condominiale.
La seconda cosa è che i prezzi della corrente erogata alle colonnine superveloci saranno almeno due o tre volte superiori a quelli praticati per l'utenza domestica. In questo senso, a meno di non essere dei fessi, la stragrande maggioranza ricorrerà alle colonnine solo in caso di "emergenza" e/o sui lunghi tragitti.

A quanto sopra aggiungerei anche una cosa spesso dimenticata: la batteria in stile power-wall. Si ricarica lentamente quando siete a giro, poi vi spara tutti i Kw quando rientrate, per ricaricare l'auto in 40 minuti.
Chi andrebbe più a ricaricare alle colonnine, allo stesso modo di come oggi si va alla stazione di servizio?
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 800
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » sab ott 06, 2018 12:10 pm

stai parlando delle batterie domestiche di stoccaggio dell'energia, vero ? Si caricano con calma quando si è in giro e poi scaricano l'energia tutta insieme alla batteria dell'auto.
Buona idea. L'avevo proposta tempo fa anche per le stazioni di servizio.
In pratica si tratta di duplicare le batterie di tutte le auto che vanno a rifornirsi in una grossa batteria nella stazione di servizio

Bisogna vedere qual è la corrente massima durante il trasferimento. Comunque sarà almeno quella delle colonnine di ricarica rapida.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 24456
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda giancarloessezeta » sab ott 06, 2018 2:33 pm

Per me il powerwall sarebbe (sarà!) la soluzione ottimale; carica di giorno col fotovoltaico, trasferimento di notte quando la corrente sarebbe comunque a pagamento sebbene a tariffa ridotta.
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9442
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » sab ott 06, 2018 6:01 pm

giancarloessezeta ha scritto:Per me il powerwall sarebbe (sarà!) la soluzione ottimale; carica di giorno col fotovoltaico, trasferimento di notte quando la corrente sarebbe comunque a pagamento sebbene a tariffa ridotta.

Si, ma servono due batterie, con quello che costano…

Secondo me e' piu' conveniente vendere il fotovoltaico alla rete di giorno e acquistare di notte per la ricarica...
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2018
 
Messaggi: 32787
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » sab ott 06, 2018 6:28 pm

Ma la corrente va proprio conservata in una batteria, se bisogna poi scaricarla tutta insieme ?
Sto pensando ai supercapacitori, che forse hanno dimensioni minori.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 24456
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » sab ott 06, 2018 7:05 pm

Smart Desert, una scrambler elettrica USA.
http://www.omnimoto.it/magazine/25375/s ... rica-video

Motore da 3 kW (!), vel. max. 80 km/h, 160 km di autonomia.
Forse, con un motore limitato e fuoristrada, 80 km/h sono accettabili, per andare a fare la spesa al supermercato.

Immagine

(ma mi chedo: a cosa serve il serbatoio ?)
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 24456
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » sab ott 06, 2018 7:14 pm

Ma vi siete accorti che si parla solo di autonomia?

Mi viene in mente quello con l'HD 883 (mi pare 7 litri) che protestava con Motociclismo perché sull'autostrada era rimasto a piedi dopo 120 km... :asd:
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2018
 
Messaggi: 32787
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda giancarloessezeta » sab ott 06, 2018 8:59 pm

Beh, con il Tango (6 litri dichiarati, ma devi essere bravo bravo a riempire senza schizzare, e dopo 4.5 sei già in riserva) ho spinto alcune volte... Ha di buono che il manubrio alto e largo e il peso piuma te lo fanno portare come una bici.
Per questo giravo con le borse e la tanichetta da 3 litri.
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9442
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » dom ott 07, 2018 9:02 am

Gatto del Cheshire ha scritto:Bisogna vedere qual è la corrente massima durante il trasferimento. Comunque sarà almeno quella delle colonnine di ricarica rapida.

Si, la powerwall ricarica anche a 18kwh. Il vero problema è che costano un botto. Non so se ho letto bene, ma sul forum tesla si parla di prezzi tra i 5.000 ed i 7000 dollari. Il che vuol dire che il punto di pareggio è un miraggio lontano nel tempo.
Se simili aggeggi costassero sui 1.000-1.500 Euro allora se ne potrebbe parlare.
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 800
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » dom ott 07, 2018 9:34 am

La migliore e più interessante analisi vantaggi/svantaggi della elettrica Zero FX* mai vista su youtube.
(Il canadese FortNine propone ancora una volta uno dei suoi video che sono delle piccole opere d'arte. Giù il cappello.)

Immagine

(*) Non è quindi la DS, quella dotata di maggiore autonomia.
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 800
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » lun ott 08, 2018 8:08 am

:ok:
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 24456
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » lun ott 08, 2018 9:39 pm

La Vespa Elettrica è in vendita e costa 6.390 euro
In primavera arriva anche la versione X che ha 200 km di autonomia grazie a un piccolo “range extender” a benzina
Allegati
5b29db22-cafa-11e8-8704-8f64d77e8bfc_2350687_1539003331-kjUC-U024245761ZHx00pLh-1024x576@LaStampa.it.jpg
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2018
 
Messaggi: 32787
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » lun ott 08, 2018 10:33 pm

Se ci montano il V85 la compro! :asd:

Scherzi a parte, è interessante. Anche perchè Peugeot lancerà a breve il suo tre ruote tutto elettrico E-metropolis:
http://www.inmoto.it/news/news/2018/10/ ... etropolis/

Piaggio deve accelerare decisamente sull'elettrico, altrimenti rimarrà al palo.
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 800
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » lun ott 08, 2018 11:10 pm

gimpo ha scritto:Piaggio deve accelerare decisamente sull'elettrico, altrimenti rimarrà al palo.

Concordo...

Anche perche' (secondo me) gli scooter si fregano delle colonnine e sono i mezzi elettrici piu' "pronti". Non e' che ci devi andare in
giro per l'italia o l'europa, e la sera attacchi la spina in garage...
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2018
 
Messaggi: 32787
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 32 ospiti