Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Noleggiomoto.rent

progressi nei veicoli elettrici

L'unico, autentico, inimitabile....

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » gio set 12, 2019 9:11 am

Però mi è venuta la curiosità dei vantaggi possibili dall'installazione di un microeolico, l'elichetta sul tetto o in giardino per produrre un po' di elettricità.
Cercando intorno trovo questa lettera scritta a Energeticambiente:
mi e stato proposto un impianto micro eolico domestico ma non essendo un esperto non mi fido molto,la spesa e abbastanza alta considerando che la macchina è da 3kw e dovrebbe produrre (almeno a detta del venditore) circa 7000 kwh all'anno con una media del vento di circa 5/6 metri al secondo, il diametro del rotore e di 200 cm per una lunghezza di 160 cm e un altezza di 250 l'area spazzata è di 3mq

E' un motore veramente piccolo, e un vento di 5 m/s è facile da trovare, magari non in città ma in collina sicuramente.
7000 kWh all'anno vuol dire 20 kWh al giorno, in media una potenza di quasi 1 kW; con i consumi nelle punte di carico coperti dalla rete Enel, coprirebbero la maggior parte dei consumi domestici. E potrebbero essere accumulati (magari non in costosi accumulatori, ma per es. per produrre con una resistenza acqua calda sanitaria)
Sto pensando alla mia casetta in val Seriana, dove vado pochi mesi all'anno e dove c'è sempre un po' di vento. Potrei usare l'energia d'inverno per mantenere calda la casa con dei radiatori elettrici o per scaldare l'acqua per la doccia.
Quel tale che scriveva non dice il prezzo che gli hanno chiesto, sarà qualche migliaio di euro. Ma la cosa sembra interessante.
Se poi la corrente prodotta fosse venduta a Enel...

P.S. A quella lettera viene risposto che sarebbe ancora più conveniente un impianto fotovoltaico. Ma quanti mq. di panelli dovrei mettere a ingombrare il giardino per produrre 1 kW ? Un'elichetta di 2 metri di diametro non sarebbe così ingombrante.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 26437
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda davsant » gio set 12, 2019 9:16 am

Cane ha scritto:Perche' il vantaggio nel caricare l'auto puo' derivare solo dal fatto che acquisti a prezzo maggiore di quanto vendi...


Non è questo il senso, mica sono un commerciante di energia...il vantaggio sta nel massimizzare la quota di autoconsumo, cioè portare verso zero i valori della terza colonna nella tabella che avevo postato. Quei valori sono teoricamente sufficienti per 15000 km/anno. Se poi venissero parzialmente utilizzati per soddisfare altre utenze elettriche poco cambia... l'unità di misura della potenza è il kW, qualunque cosa ci si faccia.
Per rendere efficiente ed ecostenibile il sistema bisogna cercare di prendere meno energia possibile dalla rete: mi ripeto, in linea teorica la mobilità ad impatto ambientale prossimo allo zero è possibile già da ora, in determinati casi, senza fantasticare di soluzioni definitive e risolutive ...
Avatar utente
davsant
Utente Registrato
 
Messaggi: 675
Iscritto il: mer set 17, 2008 11:33 am
Località: Rieti

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » gio set 12, 2019 10:01 am

In generale ho capito

Ma non capisco il motivo perche' sia invogliata in modo così forte l'autoconsumo qundo essendo collegato alla rete ci puo' essere
libero scambio acquisto/vendo... :rolleyes:

Tra l'altro l'energia che vendi fa poca strada, probabilmente la consuma il tuo vicino che non ha i pannelli... :asd:
Paolo ... "Mia mamma mi ha fatto nascere Guzzista"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 36105
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda sevendays » gio set 12, 2019 10:30 am

Converrebbe avere l'impianto da 3kW a lavoro, per ricaricare la macchina durante il giorno, e attaccarla a casa la sera usando l'energia contenuta nella macchina... Io so che i fast charger DC possono essere bidirezionali: in teoria nulla impedisce di usare le auto come accumulatori a 4 ruote e portarsi a casa l'energia.
Avatar utente
sevendays
Utente Registrato
 
Messaggi: 1206
Iscritto il: mer mag 06, 2015 5:12 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1400 custom

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » gio set 12, 2019 10:56 am

Grazie delle info davsant. Sei stato chiarissimo.
Non ho capito cosa sono quei chilowatta pagati con 0,10 Euro aggiuntivi se "scambiati sulla rete". Cosa significa scambiarli sulla rete?

Lascerei da parte tutti i discorsi politici sulla mafia ed annessi e connessi. La mafia guadagna su tutto, pure sulle radiografie degli ospedali, figurati... che facciamo? Chiudiamo gli ospedali? Le autostrade siciliane, chiudiamo pure quelle? E l'elenco è lungo, lunghissimo, ahimé! :crying:

Insomma, non vorrei che agissimo come in quella storiella del marito che si tagliò il pene per far dispetto alla moglie.
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2292
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » gio set 12, 2019 11:51 am

Manco a farlo apposta, oggi il Fatto Quotidiano apre con un titolone in prima pagina:

Immagine
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2292
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda olfra » gio set 12, 2019 12:18 pm

Per quanto riguarda la centralizzazione del solare, chiaramente è privilegiato chi ha molto spazio e al sole... vedi Spagna... questo è un impiantino non fotovoltaico (ma termico) usando il sole termicamente... output netto nominale 110 GWh... Gemasolar Thermosolar Plant...

Una delle innovazioni è che ha già dimostrato un funzionamento continuo nell'assecondare le richieste di rete, usando come stoccaggio di energia il sale disciolto (molten salt heat storage).

Immagine

ha anche il suo perchè esteticamente...
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 461
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » gio set 12, 2019 12:38 pm

110 Gigawatt nominali è tanta roba! :aaah:
In Italia non abbiamo un piano per quello che faremo la prossima settimana... :crying:
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2292
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » gio set 12, 2019 12:42 pm

Bell'impianto. Ma quanto è costato ? Quanti ettari occupa ? (in Spagna hanno molte aree incolte)
E 110 GWh/anno diviso per 8600 ore/anno significa una produzione media di 12700 kW, variabile da giorno a notte e da estate e inverno, sufficiente per una cittadina di 10.000 abitanti. Ce ne vorrebbe uno per ogni cittadina.
Sinceramente il solare mi pare meno conveniente di un parco eolico, meno ingombrante (il vento c'è giorno e notte e in Spagna c'è molto vento)
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 26437
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » gio set 12, 2019 1:00 pm

(ANSA) - TORINO - Il fondatore di Slow Food Carlo Petrini e altre personalità, a nome delle Comunità Laudato Sì, lanciano un appello a "piantare 60 milioni di alberi, uno per ogni italiano, per combattere la crisi climatica".
"Attualmente nel mondo ci sono 5,5 miliardi di ettari di boschi. Secondo il recente rapporto dell'Intergovernmental panel on climate change (Ipcc), per ridurre di un grado e mezzo il riscaldamento globale entro il 2050 sarebbe necessario avere un miliardo di ettari in più di foreste."
Che ci vuole ? 1 miliardo di ettari sono 10 milioni di km², un'area 3000x3000 km... tutta l'Europa.
Forse in Siberia... (e già ci stanno provando; ma devono sbrigarsi, perchè il permafrost comincia a squagliarsi)
https://www.quotidiano.net/esteri/siber ... -1.4776314
Ultima modifica di Gatto del Cheshire il gio set 12, 2019 1:01 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 26437
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda olfra » gio set 12, 2019 1:01 pm

Gira da 10 anni scarsi circa oramai. Pare siano stati finanziati dalla EC.
La vera innovazione è stato il tipo di stoccaggio.

"Il primo impianto solare che è riuscito ad operare per 24ore continue per 36 giorni consecutivi"...

Di certo un impiantino simpatico.

Per gli interessati tutte le info e documenti in calce sono:

https://en.wikipedia.org/wiki/Gemasolar ... olar_Plant (non c'è la pagina in Italiano sulla wiki!!! per dirvi quanto interesse c'è :asd: )
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 461
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda davsant » gio set 12, 2019 1:48 pm

Trattasi di solare TERMICO...con acqua e/o sali a garantire un notevole volano energetico. Col fotovoltaico non è possibile. L'unico "volano" possibile sono le batterie...

(L'elettricità non costa 5 centesimi: quello è il prezzo di produzione. Il costo finale tra oneri di sistema e distribuzione si aggira intorno ai 20 centesimi)
Avatar utente
davsant
Utente Registrato
 
Messaggi: 675
Iscritto il: mer set 17, 2008 11:33 am
Località: Rieti

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » gio set 12, 2019 4:38 pm

messaggio cancellato. mi serve un caffé
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2292
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda leolito » gio set 12, 2019 10:24 pm

wow siente andati avanti un sacco, mi tocca ricuperare, vado indietro un po' .....

gimpo ha scritto:
leolito ha scritto:
gimpo ha scritto:La domanda che bisogna farsi è: ne vale la pena? Oppure è meglio investire quei quattrini sull'elettrico puro?
E sopratutto: quanto pesano questi marchingegni sul budget dell'acquirente finale?

Certamente vale la pena, e non vale la pena investire sull'elettrico puro, altrimenti lo farebbero ... dentone

Sicuro?
Se uno ha un business che tira chi glielo fa fare di rimettee tutto in gioco?
Un produttore di coca cola non ti dirà mai che il chinotto è meglio.
Ero ironico ... al di la' di alcune differenze nel modo di vedere l'insieme, credo siamo sulla stessa linea riguardante il disinteresse dei big costruttori attuali, e ne condiviamo le ragioni - senza giustificarle. Il futuro dira'.


gimpo ha scritto:A dirla tutta io penso che un paio di semafori sincronizzati eliminerebbero più inquinamento di mille normative europee. Ma così non si fanno gli sghei...

Pensa te fino a qualche anno fa qui a Sofia la maggior parte dei semafori era col timer, una cosa utilissima dove gia' svariate decine di m prima del semaforo sapevi come comportarti (es. rallentare, ecc.) .... tolti tutti, inutilmente :rolleyes:
L'idea di farti fermare ogni 50m non e' se non per farti andar piano, perche "speed kills", dicono :rolleyes:

gimpo ha scritto:P.S.
a me l'elettrico piace...

a me l'elettrico piace solo perche semplice e 'utilitaristicamente' pratico. ma dato che non rientro nei canoni dell'utente "ideale", lo rifiuto, anche perche' non esiste ancora un veicolo elettrico abbordabile di mio interesse, o utilita'. A me serve caricare, trainare, con l'auto ci lavoro, e quando non ci lavoro mi piace smanettarci sopra oppure divertirmi alla guida ....
per ricaricare ogni sera un dispositivo, mi basta il telefonino ... :asd:
Avatar utente
leolito
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 5797
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:49 pm
Località: oltre la Cortina di Ferro
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV 1ma serie 'ubizzato'

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda leolito » gio set 12, 2019 10:32 pm

gimpo ha scritto:Quando uno spende centinaia di milioni in attrezzature, stabilimenti e quant'altro è difficile che spinga per il cambiamento.
Tu hai mai visto una fresatrice CNC DMG-Mori da 800.000 dollari al lavoro per fresare le canne dei cilindri? Io si.

Si acquistano tali costosi macchinari in previsioni di ammortizzarli in tot-anni. Se ti sfilano il tappeto da sotto i piedi ti ritrovi in bancarotta, specialmente adesso in cui cani e porci sono quotati in borsa. Basta una notizia e perdi milioni di dollari in un paio d'ore.

Andremmo molto OT in quest'OT, ma questo e' un punto interessante ... io non credo tutta questa gente abbia le idee tanto chiare oppure una gran lungimiranza. Ci sono numerosissimi casi ed esempi di fallimenti industriali (che tanti chiamano "flop") dove le aziende hanno investito miliardi in progetti, motorizzazioni, pianali e sviluppi, per poi raggiungere ... il nulla.
Non credo l'idea sia 'screditare' il futuro elettrico, ma piu' probabilmente pensare sara' una moda passant, un po' come i big britannici hanno snobbato l'idea di un piccolo quadricilindrico montato su una moto ... :asd:
Avatar utente
leolito
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 5797
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:49 pm
Località: oltre la Cortina di Ferro
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV 1ma serie 'ubizzato'

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda leolito » gio set 12, 2019 10:50 pm

frank baldux ha scritto:E io, al solo pensiero di comprare un oggetto fondato del tutto su controlli elettronici, svengo.

Ricorda: l'auto elettrica e' il ponte ideale alla guida autonoma. Ergo, il controllo totale sui tuoi spostamenti.
Oggi suona paranoia alla X-files, ma sono certo si andra' in quella direzione. Altro motivo per ribellarsi :asd:

frank baldux ha scritto:Però leggo che l'auto elettrica non avrà bisogno dell'officina (l'ho riletto anche qualche rigo qua sopra), e allora...ok

Questa e' la favola molto spesso vociferata (anche in quel super reportage sulle vacanze estive in tesla di qualche pagina fa) da gente che o bene e' ignorante in materia automobile, o finge per camuffare certe intenzioni.
Se a qualcuno suona offensivo, che se ne faccia una ragione, perche' la realta' e' che un'automobile e' un insieme complesso di componenti, che vivono in un caos armonioso di caldo e freddo, tensione e contrazione, frizioni e attriti, violenza su materiali e componenti, rotazioni e scossoni, alchimie e reazioni ... quello che potente pensare, accadde su quattro ruote.
Certo, una propulsione elettrica consente di levarsi di torno alcune cose, come il motore a combustione in se', quindi una gran complessita' di materiali soggetti ad usura e attrito costante, e associati tali come impianto di scarico, ecc.
Ma ....
... le ruote piaccia o no ci saranno comunque. Qundi ci saranno ancora rotolamenti vibbbrazioni buche sgonfiamenti gommaroli e necessita' di bilanciare e sostituire, gomme estive ed e invernali, ecc.
... lo sterzo piaccia o no ci sara' comunque. Quindi ci saranno ancora testine, barre di accoppiamenti, sistemi di manovra elettrici o meno che siano, che avranno comunque bisogno di essere allneati (dal gommarolo di sopra)
... le sospensioni piaccia o no ci saranno comunque. Quindi molle ammortizzatori tamponi biellette bracci e giunti ci saranno e avranno sempre bisogni di essere controllati, sostituiti, rigenerati, ecc. Che siano in metallo plastica gomma oppure in chissa' quale polimero del futuro, saran comunque in qualche modo fissati chiodati imbullonati rivettati
... l'impianto di climatizzazione piaccia o no ci sara' comunque. Mi pare ovvio di che cosa ci sara' bisogno
... l'impianto elettrico "convenzionale" piaccia o no ci sara' comunque. Quindi alzacristalli, audio e infotainment, chiusure, fanaleria (sia come sia), sensori, e compagnia bella.
Potrei proseguire con altri sottosistemi che la favola elettrica non riuscira' a scorporare dal concetto di 'automobile', ma credo aver reso l'idea .... fatevene una ragione: l'elettrico non vi liberera' da peppino o'meccanico, detto anche 'el matador del cacciavite' :rollin :asd:
Avatar utente
leolito
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 5797
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:49 pm
Località: oltre la Cortina di Ferro
La/le tua/e Moto Guzzi: California EV 1ma serie 'ubizzato'

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gabrielebig » ven set 13, 2019 8:21 am

Raffica di elettriche al salone di Francoforte. La Mini e la VW Id3 attorno ai trentamila. Il top della gamma Id3 oltre cinquecento km, duecento cv.
Peugeot e Opel seguono da vicino.
Pazzesca la Mercedes EqS.
Immagine
Avatar utente
gabrielebig
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 6598
Iscritto il: lun feb 05, 2007 2:49 pm
Località: Salo'
La/le tua/e Moto Guzzi: - V7 '73 -

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda gimpo » ven set 13, 2019 8:30 am

Anche una bicicletta ha bisogno di manutenzione. Peppino o' meccanico può dormire sonni tranquilli.

Se prendi il manuale d'officina della Stelvio e fai una spunta su tutto quello che riguarda il motore (check + manutenzione + sostituzione) vedrai che non solo tali controlli sono i più numerosi, ma sono anche i più onerosi.

Senza andare lontano, sostituire una catena della distribuzione è un maledetto cetriolo nel didietro. Non solo come costi del pezzo di ricambio, ma e sopratutto come costo delle ore di lavoro.
Avatar utente
gimpo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2292
Iscritto il: gio nov 23, 2017 10:08 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Stelvio 1200 4V

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Gatto del Cheshire » ven set 13, 2019 8:39 am

Sì certe volte mi chiedo se tutto questo bisogno di manutenzione e sostituzioni e riparazioni non sia fatto per aumentare i guadagni delle case automobilistiche, o magari a bilanciare sconti molto generosi sul prezzo di vendita.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 26437
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda LIRO » ven set 13, 2019 11:32 am

Nel manuale scrivevano che ogni 20.000 km andava cambiato l'abero di trasmissione sul V11, bene, ne ho fatti 67.000 con lo stesso albero e le stesse crocere, le ho giusto ingrassate una volta all'anno.
Avatar utente
LIRO
Utente Registrato
 
Messaggi: 4554
Iscritto il: gio set 21, 2006 5:34 pm
Località: Lipomo (COMO)
La/le tua/e Moto Guzzi: Ex V11 SportNaked
RSV4 Tuono Factory M.Y. 2018

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], ledzep, maxmonter, Niko46, TODD e 31 ospiti