Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Noleggiomoto.rent

progressi nei veicoli elettrici

L'unico, autentico, inimitabile....

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » dom mar 07, 2021 12:14 pm

Monovolume elettrico Mercedes...

Immagine
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda mauldinamica » dom mar 07, 2021 12:21 pm

olfra ha scritto:Ci pensano i cinesi a sistemare la questione...
La NIO (la Tesla locale cinese) ha gia' effettuato migliaia e migliaia si scambio batterie rapido robotizzato sul posto sul loro circolante.
Il processo di battery - swap:

https://youtu.be/hTsrDpsYHrw?t=412



Nel 2013 Tesla.

https://www.tesla.com/it_CH/videos/batt ... edirect=no
Una V35 pressata nel deserto fa rumore?
Avatar utente
mauldinamica
Utente Registrato
 
Messaggi: 3075
Iscritto il: lun ott 01, 2012 6:27 pm
Località: a 56 Km da Mandello
La/le tua/e Moto Guzzi: v11 sport 2000 prima serie, Griso 8V 2008 prima serie, Stelvio 2017 ultima serie
"Mi sento come una vecchissima Guzzi, senza di lei ora non esisterebbero le Breva, Norge ecc "
Kunta Kinte

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » dom mar 07, 2021 12:33 pm

Sia Tesla che i Cinesi sembrano puntare (o almeno testare) il cambio batteria al volo...

Forse si sono accorti che sono in difficolta' ad aumentare l'autonomia e le velocita' di ricarica??
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda mauldinamica » dom mar 07, 2021 12:59 pm

Tesla ha desistito 8 anni fa.
L' idea ai tempi non interessava i proprietari di Tesla S. Preferivano rifornire di elettricità nei tempi morti a casa o in ufficio.
Per i viaggi oltre i 400 km al volante si prendevano 40 minuti di stop e ricaricavano.
Nel 2013.
Nel 2021, con batterie a 100KWh e autonomia a 700 Km di base e oltre, l' idea di battery swap risulta semplicemente più costosa che dotare una auto lungo raggio della migliore batteria sul mercato (capacità + tempo di ricarica) e rifornirla "quella volta che....."

Certo, se uno deve fare QUOTIDIANAMENTE in auto 1600Km al giorno con 2 rifornimenti nel mezzo, magari risparmia 1 ora di tempo oltre alla dozzina di ore che deve passare alla guida ED ARRIVA A CASA 1 ORA PRIMA .... ma quanto gli devi far pagare sto servizio superesclusivo?
Una V35 pressata nel deserto fa rumore?
Avatar utente
mauldinamica
Utente Registrato
 
Messaggi: 3075
Iscritto il: lun ott 01, 2012 6:27 pm
Località: a 56 Km da Mandello
La/le tua/e Moto Guzzi: v11 sport 2000 prima serie, Griso 8V 2008 prima serie, Stelvio 2017 ultima serie
"Mi sento come una vecchissima Guzzi, senza di lei ora non esisterebbero le Breva, Norge ecc "
Kunta Kinte

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda olfra » dom mar 07, 2021 1:45 pm

A differenza di Tesla il sistema NIO è in produzione ed utilizzato.
Hanno già dichiarato più di un milione di scambi batteria, non sono pochi, sono usciti dalla fase di test da un pezzo.

Può darsi che tale sistema sia inquadrato bene per la realtà cinese, anche perchè è gratis per chi ha comprato l auto (non usata).

https://insideevs.com/news/448165/nio-c ... tery-swap/
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda mauldinamica » dom mar 07, 2021 4:34 pm

Anche il sistema Tesla è in produzione.
Dal 2013.
1 singola stazione in California.
Mai raggiunto volumi tali da imporre un' estensione del servizio.

Il sistema NIO Power Swap differisce dal sistema Tesla soprattutto per un discorso finanziario del cliente.

Questo sistema della NIO impone di fatto una forma di "leasing" della batteria. Visto che non è mai la tua, il proprietario della auto non è il proprietario della batterie. Dall' articolo che hai postato:
"It splits the ownership of the car from ownership of the battery, which can be simply rented from the manufacturer (kind like in the case of Renault EVs in the early days in Europe)."
La nostra Renault Zoe, ultimo modello, ha lo stesso sistema di leasing. Niente di straordinario. Ma chissà perché, non è la soluzione piu utilizzata. La gente compra l' auto e nella maggior parte dei casi ancora vuole comprarsela tutta.

Ragioniamo poi su quello che era la disponibilità nel 2013 di batterie da stoccare nei centri di Swap.
Si sta ragionando di un numero IMPORTANTISSIMO di batterie.
Nel 2013 era impensabile fermare in un deposito l' elemento limite alla produzione, gli accumulatori. Nel 2020 sicuramente le batterie sono piu disponibili in numero tale da poter essere tenute ferme in un deposito.
Time is money.

Ragioniamo poi sui numeri
155 stazioni di swap che scambiano mezzo milione di batterie nell' arco temporale di 130 giorni (25 maggio-5 novembre) significare ogni singola stazione swap ha effettuato 3225 cambi, per un totale medio di 25 cambi al giorno.

arrotondiamo a 24 cambi, sta a significare che il sistema serve 1 auto all' ora continuativamente.
SE tutti si fosse ben distanziati di 1 ora basterebbe 1 singola batteria extra per centro swap. La smonti, la ricarichi in un' ora e la passi al successivo automobilista.
Ma visto che arriveranno tutti nell'a arco di poco tempo (prima di andare al lavoro, o al ritorno dal lavoro), saranno una decina di cambi nell' arco di un paio di ore.
Quindi avranno bisogno di 10 batterie, come minimo, da poter far girare. 20 per stare larghi e non creare disservizi.
A 9000 euro quanto costa un pacco batterie nuovo al cliente della Zoe 135 parliamo di un servizio che solo di deposito batterie richiederebbe dai 90.000 ai 180.000 euro per stazione per una somma totale annuale di 28 milioni di euro.
Per servire 24 auto al giorno per 155 swap center.

Riportiamo questi numeri da noi.
Mettiamo 100 swap center a Milano o a Monaco.
Serviamo 2400 auto al giorno.
Chiediamo ad un imprenditore di immobilizzare annualmente dai 9 ai 18 milioni in batterie (e solo per le batterie in stoccaggio!) per poter fornire il servizio.
Quanto potra mai farglielo pagare?

Ben inteso, batterie che non sono ne del cliente ne dell' imprenditore che organizza lo swap center, ma che sono della Tesla o della NIO, che fanno una quantità di chilometri impressionanti perchè sono assolutamente sempre in circolazione e che raggiungeranno ben prima dell' utilizzo dell' utente tipo il loro fine vita.

Un' altra considerazione:
Il senso dell' esercizio inizia e si conclude su due singoli punti
1 il proprietario dell' auto macina tantissimi chilometri come il 10% degli utenti motorizzati ed ha bisogno di cambiare in velocità la batteria.
L' effetto è che le batterie raggiungono il fine vita in una frazione del tempo impiegato in un utilizzo medio. In questo caso il vantaggio per il proprietario dell' auto è duplice perchè risparmia qualche minuto e ha sempre una batteria nuova, ma che paga in leasing. Vantaggi che in una gestione finanziaria corretta e sana dovrebbero essergli pero fatti pagare all'utilizzo del servizio. Time for money.
2 il proprietario dell' auto utilizza normalmente l' auto come il 90 % degli utenti per spostamenti quotidiani di breve raggio e l' unico vantaggio che ottiene con questo sistema è quando non ha accesso ad una ricarica dell' auto al proprio domicilio o al lavoro. In caso contrario, una ricarica casalinga o al lavoro sarebbe naturalmente meno costosa. Vantaggio da fare pagare all'utilizzo del servizio. Service for money
Forse è su questo tipo di mercato che punta NIO. Non è il mercato attuale Europeo o Nordamericano, non dovrebbe esserlo neppure nel futuro prossimo se gli incentivi statali Europei o federali statunitensi continueranno ad sostenere economicamente e sempre piu capillarmente punti di ricarica in ambito residenziale o lavorativo come logica vorrebbe.
Una V35 pressata nel deserto fa rumore?
Avatar utente
mauldinamica
Utente Registrato
 
Messaggi: 3075
Iscritto il: lun ott 01, 2012 6:27 pm
Località: a 56 Km da Mandello
La/le tua/e Moto Guzzi: v11 sport 2000 prima serie, Griso 8V 2008 prima serie, Stelvio 2017 ultima serie
"Mi sento come una vecchissima Guzzi, senza di lei ora non esisterebbero le Breva, Norge ecc "
Kunta Kinte

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » dom mar 07, 2021 9:59 pm

mauldinamica ha scritto:Anche il sistema Tesla è in produzione.
Dal 2013.
1 singola stazione in California.
Mai raggiunto volumi tali da imporre un' estensione del servizio.

Secondo me quel sistema e' come le ricariche, deve crescere insieme al numero delle auto...
Se dagli inizi nel 2013 c'e' solo una stazione in California vuol dire che non ha preso piede... :-(
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda mauldinamica » lun mar 08, 2021 9:59 am

I motivi per cui Tesla non abbia spinto sullo Swap mentre NIO si dipendono da diversi fattori, Olfra ci ricorda che nel 2020 nella realtà cinese una situazione cosi può essere vantaggiosa, mentre agli albori della storia Tesla aspettarsi anche questo servizio offerto ed estremamente costoso era per motivi produttivi e di mercato non convenente.

Certo è che nel 2021, dopo il miglior anno per il commercio dei veicoli elettrici quale è stato il 2020, la situazione finanziaria dei due players in questione potrebbe sembrare incomprensibile

https://www.money.it/Bolla-auto-elettri ... -scoppiare
Una V35 pressata nel deserto fa rumore?
Avatar utente
mauldinamica
Utente Registrato
 
Messaggi: 3075
Iscritto il: lun ott 01, 2012 6:27 pm
Località: a 56 Km da Mandello
La/le tua/e Moto Guzzi: v11 sport 2000 prima serie, Griso 8V 2008 prima serie, Stelvio 2017 ultima serie
"Mi sento come una vecchissima Guzzi, senza di lei ora non esisterebbero le Breva, Norge ecc "
Kunta Kinte

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda sevendays » lun mar 08, 2021 11:06 am

Ogni volta che apro una pagina di finanza e leggo suggerimenti per fare short selling mi chiedo perché non sia vietato tout court...
Sembra che Bill Gates ci abbia provato contro Tesla, prendendosi le classiche badilate sulle gengive.
Avatar utente
sevendays
Utente Registrato
 
Messaggi: 1786
Iscritto il: mer mag 06, 2015 5:12 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1400 custom

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda sevendays » lun mar 08, 2021 11:11 am

Dimenticavo questa chicca: le energica non forniscono il freno di stazionamento (che è necessario per una moto senza freno motore di 200+ kg) ma vendono a pochi neuri come optional l'elastico per il freno :D
Avatar utente
sevendays
Utente Registrato
 
Messaggi: 1786
Iscritto il: mer mag 06, 2015 5:12 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1400 custom

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda olfra » lun mar 08, 2021 7:35 pm

sevendays ha scritto:Ogni volta che apro una pagina di finanza e leggo suggerimenti per fare short selling mi chiedo perché non sia vietato tout court...
Sembra che Bill Gates ci abbia provato contro Tesla, prendendosi le classiche badilate sulle gengive.


Lo shorting ha portato molto più male che bene, è una delle distorsioni del mercato che andrebbe la pena di abolire subito, veramente becera speculazione, decisamente uno strumento non sano.... decisamente inviso a chi crea veramente valore.

Poteva avere senso quando si girava col carretto per scambiare i titoli, non con sistemi di oggi praticamente real-time al microsecondo.
Oggi, non è possibile più ammettere uno strumento che sostanzialmente automaticamente spinge sostenzialmente l'investitore a rendere spazzatura (via anche false informazioni) come obiettivo una società solo per guadagnare su una posizione di short.

Parlavi di Tesla... ho giusto visto una (molto interessante nella sua interezza) intervista a Musk che parlava dello short selling (ne sa qualcosa... definendolo, giustamente, un "vizio mascherato da virtù")...:
https://youtu.be/YAtLTLiqNwg?t=2542
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda olfra » lun mar 08, 2021 7:43 pm

sevendays ha scritto:Dimenticavo questa chicca: le energica non forniscono il freno di stazionamento (che è necessario per una moto senza freno motore di 200+ kg) ma vendono a pochi neuri come optional l'elastico per il freno :D


Ah. Non ci pensavo.
Cioè per parcheggiare in pendenza 300kg di energica hitech devo mettere il sasso? :asd:
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » dom apr 04, 2021 6:30 pm

Cosa può fare l'Italia per non restare fuori dalla partita mondiale del nucleare

Non si può raggiungere la neutralità carbonica con le sole rinnovabili. Le aziende italiane devono poter mettere un piede nelle alleanze industriali che si contenderanno il mercato dei reattori avanzati
.
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Dogwalker » dom apr 04, 2021 6:33 pm

Cane ha scritto:Cosa può fare l'Italia per non restare fuori dalla partita mondiale del nucleare

Non si può raggiungere la neutralità carbonica con le sole rinnovabili. Le aziende italiane devono poter mettere un piede nelle alleanze industriali che si contenderanno il mercato dei reattori avanzati
.

Chi l'avrebbe detto?

DogW
Attività Neurali Avanzate ®
Avatar utente
Dogwalker
Utente Registrato
 
Messaggi: 25655
Iscritto il: lun ott 27, 2003 8:32 pm

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Dogwalker » dom apr 04, 2021 6:38 pm

Ah, ecco. Il presidente dell'Associazione Italiana Nucleare.

Nell'improbabilissimo caso che i reattori avanzati diventassero economicamente convenienti, basterà comprarli. Semplice, no?
Il modo in cui si vorrebbe renderli economicamente convenienti è proprio quello di ottenere economie di scala, producendo molti reattori, tutti uguali, di piccola potenza. Quindi ricercarli "in loco", invece di farlo fare a General Electric, è solo perdita secca.

DogW
Attività Neurali Avanzate ®
Avatar utente
Dogwalker
Utente Registrato
 
Messaggi: 25655
Iscritto il: lun ott 27, 2003 8:32 pm

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » dom apr 04, 2021 8:21 pm

Il solare attuale costa molte volte meno del nucleare...

Mi pare che l'unica che costruisce nucleare e' la Cina...

Ma attenzione quando diciamo che il 40% dell'elettricita' e' verde, perche' la potenza energetica necessaria e'
molta di piu' di quella elettrica attuale...

Comunque noi saremmo gli ultimi a costruire centrali nucleari..
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Dogwalker » dom apr 04, 2021 9:39 pm

Dal 2019 al 2020 la produzione (non percentuale, produzione lorda) di energia fotovoltaica in italia è cresciuta di 2220 gwh, e il 2020 non è certo stato un grande anno per la posa di pannelli fotovoltaici.
E' 1/5 di quanto produce in un anno una centrale PWR da 1,6 GWH, del tipo che ad Olkiluoto non riescono a far funzionare da 10 anni (le previsioni più recenti sono per l'inizio della produzione al 2022, ovvero con 12 anni di ritardo sul previsto, a 17 anni dall'inizio della costruzione, a costi quadruplicati rispetto al previsto) e a Flamanville non riescono a far funzionare da 9 anni (con scarse possibilità di vederla in funzione nel 2022, con 10 anni di ritardo sul previsto, a 15 anni dall'inizio della costruzione, a costi settuplicati rispetto al previsto).
Quindi, in 5 anni di sviluppo "lento" dell'energia fotovoltaica, senza nessuna polemica, e praticamente senza costi per il pubblico, ottieni la produzione che non riesci ad ottenere in 15 anni di sviluppo nucleare.
A tecnologia attuale, non c'è neanche da parlarne.

DogW
Attività Neurali Avanzate ®
Avatar utente
Dogwalker
Utente Registrato
 
Messaggi: 25655
Iscritto il: lun ott 27, 2003 8:32 pm

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda fabiolemans1 » mar apr 06, 2021 10:30 am

"Dal 1° luglio 2021 coloro che hanno dei punti di ricarica di auto elettriche in immobili privati potranno ricaricare il proprio veicolo grazie all’aumento della potenza di almeno 6 kW, di notte, di domenica e negli altri giorni festivi, senza doverlo richiedere al proprio fornitore di energia.
Il servizio attivato, in via sperimentale fino al 2023, è stato previsto dalla delibera 541/2020 dell’ARERA finalizzata a promuovere la diversificazione dei carburanti e una mobilità più sostenibile e a minor impatto di CO2 in atmosfera.
Si è voluto in tal modo incentivare l’impiego dei punti di ricarica di veicoli elettrici in ambito privato.
L’iniziativa, su base volontaria e previa domanda, si rivolge ai clienti finali di energia elettrica connessi in bassa tensione e dotati di misuratori elettronici idonei."
"Partecipando a tale iniziativa il cliente aderente avrà la possibilità di ricaricare i propri veicoli elettrici in modo più rapido, di notte o nei giorni festivi, senza costi aggiuntivi in bolletta conseguenti alla maggiore disponibilità in termini di “potenza disponibile” al punto di fornitura.
In particolare, dal 1 luglio 2021 al 31 dicembre 2023 sarà possibile ricaricare il proprio veicolo elettrico avendo la disponibilità di una potenza di circa 6 kW:
di notte;
di domenica;
negli altri giorni festivi,
senza dover richiedere un aumento di potenza al proprio fornitore di energia elettrica, quindi senza dover sostenere costi fissi aggiuntivi dovuti all’incremento della potenza."
-fabio-
la mente è come il paracadute: funziona solo quando è aperta
Avatar utente
fabiolemans1
Utente Registrato
 
Messaggi: 16281
Iscritto il: ven lug 21, 2006 12:29 pm
Località: messina

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Cane » mar apr 06, 2021 6:22 pm

Nei primi 3 mesi del 2021 la Fiat 500 e' l'elettrica piu' venduta in Italia... :shock:

Ma non costava un'esagerazione? :rolleyes:
Paolo
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2021
 
Messaggi: 40689
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: progressi nei veicoli elettrici

Messaggioda Eorl » mar apr 06, 2021 7:24 pm

Cane ha scritto:Nei primi 3 mesi del 2021 la Fiat 500 e' l'elettrica piu' venduta in Italia... :shock:

Ma non costava un'esagerazione? :rolleyes:

come mostra il caso del GS una cosa può non escludere l'altra, specie se fa pure un po' status...
Immagine
Avatar utente
Eorl
Utente Registrato
 
Messaggi: 8575
Iscritto il: ven set 08, 2006 4:59 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], orsobruno e 61 ospiti