Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista

La bici del guzzista

L'unico, autentico, inimitabile....

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Tatuato » ven set 04, 2015 3:07 pm

Andrea. La vita è varia e molteplice. Il piacere e' piacere, da dove arriva, arriva.
Avatar utente
Tatuato
Staff
 
Messaggi: 12716
Iscritto il: lun ott 27, 2003 12:44 pm
Località: Aldilà

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Gatto del Cheshire » ven set 04, 2015 5:11 pm

Sempre per le trikes mi sembra particolarmente interessante questa Mobo della Triton cinese:

Immagine
Le ruote dietro sono sterzanti, quella davanti è fissa e mossa direttamente dai pedali (che è ilpunto debole, perchè se non c'è un qualche demoltiplicatore nel mozzo bisogna pedalare furiosamente per andare a una velocità decente

http://www.mobocruiser.com/Mobo_Triton_ ... ri-501.htm

Vantaggio principale, la compattezza. Il bordo posteriore è lo schienale del sedile, quello anteriore la gomma della ruota. Direi che occupa circa 1 metro e mezzo di lunghezza.La lunghezza si può aggiustare e il montaggio è facile (v. video).
Peso meno di 20 kg. Se il percorso per pedalata è lungo abbastanza (mi pare questo il punto debole, con ruote da 16" si tiene una velocità da pedone) c'è da farci un pensierino.

http://www.mobocruiser.com/category_s/177.htm

PS. Ma possibile che non abbiano pensato a un cambio nel mozzo ? Esiste.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: La bici del guzzista

Messaggioda VidiV » ven set 04, 2015 5:12 pm

Io non ho la bici :( ...
La velocità non ha mai ucciso nessuno. Fermarsi improvvisamente, si.
Avatar utente
VidiV
Utente Registrato
 
Messaggi: 1248
Iscritto il: mar nov 05, 2013 9:54 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Moto Guzzi V7 III Special 2017 - "Ebon Hawk" / Moto Guzzi V50 III 1984 - "Evinrude"

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Gatto del Cheshire » ven set 04, 2015 5:49 pm

Io ce l'ho, una bici cinese da 90 euro comprata quando mi hanno rubato quella buona. Mi fa sempre incazzare per il sellino troppo duro, il cambio che non cambia o cambia a sproposito, i freni che non frenano. E con questa devo affrontare il traffico di pazzi scatenati e donnette al telefonino ? Preferisco uscire in moto anche per andare dal giornalaio. E' poco ecologico ma almeno salvo la pelle.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Betto » ven set 04, 2015 7:37 pm

Gatto del Cheshire ha scritto:Hai chiesto un parere al tuo birillo ?

Ovviamente.
Ma cambiare la sella è un attimo, fatto ieri per 15 euri sulla mia Olmo TRK, che quella vecchia si sbriciolava.

:hat
Avatar utente
Betto
Utente Registrato
 
Messaggi: 4808
Iscritto il: dom apr 06, 2008 11:54 am
Località: Zena
La/le tua/e Moto Guzzi: Quota 1000 1998 - km 140.000
V11 Le Mans 2004 - km 50.000

Re: La bici del guzzista

Messaggioda SStartaruga » lun set 07, 2015 12:15 pm

in ogni caso le mie bici per esigenze pendolari sono queste:

già modificata cambiano il nastro manubrio nero e una pipa sterzo più lunga
Immagine

Immagine


di 3 ruote ho provato questa (nella foto portavo anche mio figlio)
Immagine
i pedali hanno la solita trasmissione con freno a contropedale e sono montati ad un telaio che unisce pedali-ruota-sedile vincolati con uno snodo al telaio delle rote posteriori-manici in modo che pedali-ruota-sedile possano piegare per girare

un simpatico gioco con tanto di regolazione del sedile, ma con un sedile di plastica rigida che ammacca le ossa
Francesco - chiamatemi SS
Avatar utente
SStartaruga
Utente Registrato
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: mar feb 06, 2007 4:00 pm
Località: + o - Padova
La/le tua/e Moto Guzzi: ex California Stone

Re: La bici del guzzista

Messaggioda fabiolemans1 » mar nov 17, 2015 1:20 pm

ragazzi, io non vado in bici, ma quando vedo certe realizzazioni rimango affascinato
Immagine
-fabio-
la mente è come il paracadute: funziona solo quando è aperta
Avatar utente
fabiolemans1
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 12883
Iscritto il: ven lug 21, 2006 12:29 pm
Località: messina

Re: La bici del guzzista

Messaggioda He59 » mar nov 17, 2015 1:23 pm

fabiolemans1 ha scritto:ragazzi, io non vado in bici, ma quando vedo certe realizzazioni rimango affascinato
Immagine
-fabio-


...ed io che ci vado sempre...pure! Senza entrare nei discorsi esoterici dei cinematismi, un gioiellino!
He59
Utente Registrato
 
Messaggi: 1650
Iscritto il: dom dic 01, 2013 8:57 pm
Località: Vicenza
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1400 Custom

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Gatto del Cheshire » mar nov 17, 2015 8:36 pm

E' un vero peccato che abbia solo dei pedali.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Cane » lun ago 22, 2016 2:55 pm

Cane ha scritto:Io quest'anno ho preso questa Bianchi Camaleonte Sport base...(argento e non bianca)
Ci ho fatto mettere le gomme medie adatte all'asfalto e alle numerose stradine sterrate (messe discretamente bene) della pineta che ci sono dalle mie parti...

Immagine

Mi e' tornato a mente che postai qui la mia bici...

Dopo quasi due anni sono poco soddisfatto... :-(

La bici forse e' corta per me, se freno forte tendo a rovesciarmi sull'anteriore...

Il cambio fa abbastanza cagare, non e' una bici da cifre assurde, la pagai mi pare 560/580 se ricordo bene, ma il cambio e' molto economico...
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: La bici del guzzista

Messaggioda giancarloessezeta » lun ago 22, 2016 3:18 pm

Paolo, i telai hanno solitamente almeno 2 misure, se non tre.

Quelle tipo sport moderne, col carro corto (sloping se ricordo bene), sono molto reattive sia in frenata che nei cambi di direzione... e io le preferisco una misura superiore al consigliato per la mia taglia.

Metti quantomeno un manubrio più confortevole: rinuncerai alle punte velocistiche, ma ne guadagni in comfort e quando freni non devi ricorrere al dentista :D
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9167
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Renato » lun ago 22, 2016 4:51 pm

Da due anni sono passato alla Bianchi, con somma soddisfazione: Infinito CV montata Campagnolo Chorus.

Immagine

Dopo esserci salito in bici (giugno 2015), fare lo Stelvio in moto non mi ha più dato queste gran sensazioni dentone
"quando vedo il Renato vuol dire che ci sono tutti" (Elk)
Avatar utente
Renato
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 911
Iscritto il: dom apr 16, 2006 11:01 pm
Località: Cittiglio (VA)
La/le tua/e Moto Guzzi: Norge 1200, 2010; ex V65 Florida, 1987; 2006-2017 11 anni di Guzzite

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Cane » mar ago 23, 2016 1:01 pm

Cane ha scritto:Il cambio fa abbastanza cagare, non e' una bici da cifre assurde, la pagai mi pare 560/580 se ricordo bene, ma il cambio e' molto economico...

Al posteriore ho uno Shimano Acera....

All'anteriore uno Shimano Tourney...

I comandi al manubrio sembrano invece discreti, forse sono comuni ad altri Shimano...

Qualcuno sa la qualita' dei due cambi?

Sono al livello minimo di Shimano o penultimi? :evil:
Paolo............ "Chi non ha paura muore una volta sola"
Avatar utente
Cane
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 29810
Iscritto il: dom giu 04, 2006 10:06 pm
Località: Cecina LI
La/le tua/e Moto Guzzi: California 1000C

Re: La bici del guzzista

Messaggioda MagNETo » mar ago 23, 2016 5:58 pm

Domanda da babbaleo: amici ciclisti, ma perché andare in bici da corsa su strada respirando e rischiando schifezze di essere investiti dal primo cacciatore di Pokemon quando dappertutto esistono bellissimi percorsi per MTB nel verde? :-)
Io andavo in bici da corsa ma ormai da almeno 10 anni mi sono ritirato nei boschi 8-)

Tra l'altro ho da poco scoperto il Freeride, non so come ho fatto finora senza bici da downhill :asd:

Immagine
Ultima modifica di MagNETo il mar ago 23, 2016 9:18 pm, modificato 1 volta in totale.
Gib Mir Benzin!
Avatar utente
MagNETo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mar giu 29, 2004 10:56 pm
Località: Carrara - Venezia
La/le tua/e Moto Guzzi: Quella che era un'Imola

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Luka » mar ago 23, 2016 7:01 pm

Cane ha scritto:Sono al livello minimo di Shimano o penultimi? :evil:


Il minimo per le MTB, se non vado errato. Ma non ti stupire: la Camaleonte è poco più che una entry level, e quella equipaggiata come la tua viene probabilmente circa la metà del solo Campagnolo Chorus montato sulla Infinito citata nel messaggio dopo il tuo :aaah:

Oramai per recuperare qualcosa di performante senza svenarti devi andare sull'usato, che in ambito cicloamatoriale è un mercato floridissimo e zeppo di ottime occasioni.

L.
Avatar utente
Luka
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 5298
Iscritto il: lun ott 27, 2003 1:10 am
Località: Milano

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Marcone » mar ago 23, 2016 11:44 pm

bici da corsa per pedalare, per i passi alpini, per le grandi distanze
bici da mtb per divertirsi, per giocare, per perdersi nei boschi.
sono quasi due sport diversi, io li pratico entrambi e non saprei cosa meglio.

freeride, interessante la discesa, ma non ho capito bene quanto è fattibile la salita, i miei giri in mtb prevedono il solo uso delle gambe, ho una front mediamente votata alla discesa, ci faccio cose che a volte mi sembra già troppo così :hehe: , figuriamoci con una ful :help
V11 - posso smettere quando voglio
Avatar utente
Marcone
Utente Registrato
 
Messaggi: 239
Iscritto il: lun mar 12, 2007 2:28 pm
Località: Sondrio

Re: La bici del guzzista

Messaggioda MagNETo » mer ago 24, 2016 4:35 pm

Marcone ha scritto:freeride, interessante la discesa, ma non ho capito bene quanto è fattibile la salita, i miei giri in mtb prevedono il solo uso delle gambe, ho una front mediamente votata alla discesa, ci faccio cose che a volte mi sembra già troppo così :hehe: , figuriamoci con una ful :help

Con una bici da freeride la salita te la devi dimenticare, sono progettate per scendere e basta. Devono essere estremamente robuste (quindi pesanti, attorno ai 20 kg), avere sospensioni a lunghissima escursione (attorno ai 16-18 cm) che disperderebbero l'energia della pedalata, sella bassissima inutilizzabile per pedalare (in discesa stai sempre in piedi), niente deragliatore (davanti c'è solo una corona). Esistono bici con buone prestazioni in discesa ed accorgimenti che le rendono "pedalabili" come sospensioni bloccabili e sella telescopica a molla, sono le cosiddette "enduro" ma oltre a costare un occhio della testa sono sempre un compromesso: pesanti in salita, meno performanti delle Freeride in discesa. Alla fine servono solo per le gare specifiche di enduro, fatte di salite e discese non troppo impegnative. Alla fine chi fa Downhill / Freeride finisce presto di porsi il problema della pedalabilità e vuole solo venire giù più velocemente possibile senza sfasciare la bici sul primo salto, quindi per i giri in montagna si usa la solita all mountain front, ma per la discesa pura ci vuole una bella schiacciasassi da 22 kg e forcella a doppia piastra tipo motocross ;)

Immagine
Gib Mir Benzin!
Avatar utente
MagNETo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mar giu 29, 2004 10:56 pm
Località: Carrara - Venezia
La/le tua/e Moto Guzzi: Quella che era un'Imola

Re: La bici del guzzista

Messaggioda Gatto del Cheshire » gio ago 25, 2016 2:47 pm

Personalmente, per la discesa preferisco il parapendio.
Tanto in entrambi i casi ci vuole un'auto d'appoggio per andare su.
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 22473
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Re: La bici del guzzista

Messaggioda MagNETo » gio ago 25, 2016 3:47 pm

Gatto del Cheshire ha scritto:Personalmente, per la discesa preferisco il parapendio.
Tanto in entrambi i casi ci vuole un'auto d'appoggio per andare su.

No, moltissime località sciistiche, dalle Dolomiti agli Appennini, hanno percorsi serviti da impianti di risalita. Io solitamente per questioni di vicinanza vado al Bike Park di Cortina d'Ampezzo dove con uno specifico abbonamento alla funivia Freccia del Cielo (Tofane) puoi salire e scendere quante volte vuoi. Bellissimo anche il park di Brunico - Plan de Corones, 10 km di discesa, 1300 m di dislivello, tutto servito da impianti di risalita.
Gib Mir Benzin!
Avatar utente
MagNETo
Utente Registrato
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mar giu 29, 2004 10:56 pm
Località: Carrara - Venezia
La/le tua/e Moto Guzzi: Quella che era un'Imola

Re: La bici del guzzista

Messaggioda giancarloessezeta » gio ago 25, 2016 4:37 pm

Gatto del Cheshire ha scritto:Personalmente, per la discesa preferisco il parapendio.
Tanto in entrambi i casi ci vuole un'auto d'appoggio per andare su.


Quelle bici (bici? direi Fantic Caballero senza motore!) in pratica le usi come gli sci.

A Milano ne ho vista qualcuna usata nel traffico, ma credo che ci si provino una volta sola.... :help
E come disse Lui:"prendete, e guidatene tutti!"SP1000 Walrus
Avatar utente
giancarloessezeta
Utente Registrato
 
Messaggi: 9167
Iscritto il: lun nov 03, 2003 5:06 pm
Località: tra MB e LC
La/le tua/e Moto Guzzi: SP1000 the Walrus (Tricheco)
V35-II Bienaimée
Tango 250 Rieju che da grande vorrebbe diventare un Griso

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Yahoo [Bot] e 40 ospiti