Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista

SuperAlce

Restauro Super Alce

Messaggioda Albertosp3 » gio set 20, 2007 9:43 am

Gent/mo Sig. Vanni,
mi accingo al restauro di un Super Alce del '57,dal certificato d'origine MG la moto è stata destinata all'Esercito quindi deve essere verniciata tutta verde,è esatto?
Potrei sapere il codice colore?
I cerchi ed i raggi vanno verniciati?
E'possibile avere quante più info possibili?
Grazie anticipatamente per la disponibilità.
Alberto
Fà il pieno e Vaiiiii......
Albertosp3
Utente Registrato
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mer mar 08, 2006 6:38 pm
Località: Napoli

Messaggioda gtv47 » ven set 21, 2007 2:45 pm

I cerchi sono cromati, come pure i nippli, la ghiera del faro e il manubrio.i raggi son neri come il faro e il fanalino posteriore.
Il verde lo trovi nei tintometri Lechler col codice " moto-10E ".
E' comunque il verde kaki usato normalmente dall'Esercito Italiano per tutti i mezzi.
Su Motociclismo d'epoca di qualche anno fa c'era un bel servizio sul superalce.
Ciao
Vanni
Avatar utente
gtv47
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 1505
Iscritto il: mer giu 02, 2004 6:03 pm

SuperAlce

Messaggioda dondiego » lun ott 01, 2007 6:35 am

Un grande complimento a Vanni,

vorrei riallacciarmi al topic sul colore sabbia del Falcone Sahara e vorrei chiedere se è effettivamente lo stesso del colore dei veicoli militari nelle campagne d'africa ante 2a guerra mondiale.

In quanto il falcone sahara mi sembra sia più lucido e più chiaro rispetto ai gialli opachi dei veicoli militari come ad esempio visti nel recente film di Monicelli "Le rose del deserto"

Ciao e grazie Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Messaggioda gtv47 » lun ott 01, 2007 8:53 am

Pur essendo ispirato ai coòori coloniali, non è proprio lo stesso, è un po' più lucido e di tonalità più " commerciale ".
Ciao
Vanni
Avatar utente
gtv47
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 1505
Iscritto il: mer giu 02, 2004 6:03 pm

colore sabbia villa glory e colore veicoli colonial

Messaggioda dondiego » lun ott 01, 2007 9:19 am

Grandissimo Vanni !!!

Lo sapevo che tu non potevi non accorgerti di questa differenza!!!

A questo punto posso chiederti se conosci il codice vernice del colore originale opaco dei veicoli militari in Libia?

Grazie Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Messaggioda dondiego » lun ott 01, 2007 9:31 am

Immagine

Questa SuperAlce, ad es. mi sembra sia sì opaca ma di colore molto più chiaro di quello militare. Credi che sia il colore originale?

Vorrei poi anche un chiarimento sulle cromature nei veicoli bellici coloniali.

Tu ci hai chiarito che i superalce militari avevano la cromatura sui cerchi, sul manubrio, sul faro ecc.(come anche in questa foto) però in alcune immagini storiche sembrerebbe che tutte le cromature siano invece vernicate in sabbia (ed effettivamente una cromatura su un veicolo militare sembra molto strana!).

Ciao e grazie ancora Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Re: colore sabbia villa glory e colore veicoli coloniali

Messaggioda dondiego » mar ott 02, 2007 1:13 pm

il nuovo falcone sahara dovrebbe essere invece la tinta giusta poiché mi risulta che per la tinta usarono una partita di vernice africa che era avanzata da 30 anni in magazzino a mandello.

tant'è che se guardi una foto di un alce color africa, ha lo stesso colore chiarissimo.


Ciao drogo e grazie per la risposta,

la foto postata sopra di un Superalce (trovata su internet), è esattamente del colore villa glory (ma opaco e non lucido come sul N.F. Sahara), ma comunque non mi sembra il colore dei veicoli coloniali, che a parte nel recente film di Monicelli "Le rose del deserto", è visibile ancora sui veicoli originali ad esempio presenti nel Museo dei veicoli militare della Cecchignola.

vedi queste due foto una di giorno ed una di notte:

http://www.supercars.net/gallery/119513/1218/552616.jpg

http://www.supercars.net/gallery/119513/1359/595942.jpg


Anche Vanni ha detto che gli sembra che siano due colori diversi (può essere anche che la rimanenza di vernice sabbia militare della Moto Guzzi sia stata diluita per renderla più utilizzabile ed averne di più! Con il risultato che è stata schiarita)

Grazie ancora

Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Messaggioda dondiego » mar ott 02, 2007 1:33 pm

Dilemma chiarito,
riporto, per tutti la cortese e competente risposta ricevuta dalla Lechter:

Buon giorno,
quanto lei afferma non è del tutto corretto!

Non tutto il regio esercito aveva la stessa tonalità di
"sabbia".
Infatti, a seconda se il mezzo veniva utilizzato in africa
orientale o settentrionale i colori erano rispettivamente:

codice MIL 1 COLONIALE (8081)
codice MIL 2 SABBIA (8067)

Ne consegue che sul suo mezzo, utilizzato in LIBIA, il colore
dovrebbe essere il "SABBIA(8067)".

Nel dubbio, recandosi presso un nostro colorificio, che troverà sul
nostro sito www.lechler.it all'interno del MENU REFINISH, potrà
verificare la tonalità sulla nostra mazzetta "TINTE OMOLOGATE MOTO STORICHE".

Cordiali saluti.
Ferrigno



Ringrazio pubblicamente il Sig. Ferrigno della Lechler per la sua consulenza e disponibilità.

Ciao a tutti

Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Messaggioda gazzettiere » mar ott 02, 2007 1:53 pm

dondiego, nel film di monicelli hanno usato il superalce, che come sappiamo non ha fatto in tempo a vedere la libia (a grandi linee, e mi scuso dell'approssimazione: la grande ritirata da el-alamein è dell'inverno 42-43; resistenza italo-tedesca in tunisia in inverno e primavera 43; perdita della tunisia e sbarco in sicilia nell'estate 43). se ricordo bene, il superalce è entrato in produzione in pochi esemplari proprio nell'estate 43, per poi riprendere la produzione nel dopoguerra.
quindi le colorazioni del film sono fatte sì bene, ma non sono originali.

sui dettagli del faro, dei cerchi eccetera:
come di consueto, non c'è stata una colorazione univoca. mille partite e mille forniture diverse.
c'erano tutte color sabbia, quelle color sabbia con cerchi neropachi, quelle con il faro neropaco.
poi in libia accadeva di tutto, secondo le diverse officine. gli davano sopra l'ocra aeronautico, oppure montavano il faro di un altro esemplare, oppure ci davano una mano di vernice grigioverde e così via.
Avatar utente
gazzettiere
Utente Registrato
 
Messaggi: 8976
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:54 pm
Località: a novegro alla ricerca di un antarallo usato
La/le tua/e Moto Guzzi: spIII "il buscaglia", lambretta li125 del '64

Re: colore sabbia villa glory e colore veicoli coloniali

Messaggioda dondiego » mar ott 02, 2007 2:10 pm

drogo ha scritto:dondiego, nel film di monicelli hanno usato il superalce, che come sappiamo non ha fatto in tempo a vedere la libia


Sì in effetti sul sito della Guzzi questo colore "Sabbia" è specificato solo per l'Alce http://www.motoguzzi.it/modsto/scheda.a ... ce&anno=30

quindi le colorazioni del film sono fatte sì bene, ma non sono originali.
sui dettagli del faro, dei cerchi eccetera:
come di consueto, non c'è stata una colorazione univoca. mille partite e mille forniture diverse.
c'erano tutte color sabbia, quelle color sabbia con cerchi neropachi, quelle con il faro neropaco.
poi in libia accadeva di tutto, secondo le diverse officine. gli davano sopra l'ocra aeronautico, oppure montavano il faro di un altro esemplare, oppure ci davano una mano di vernice grigioverde e così via.


In effetti non è agevole ricostruire la corretta livrea ufficiale prevista per le moto militari coloniali, però almeno avere avuto il colore ufficiale della Lecher è un buon inizio.

Se poi vedi nelle foto della Alfa Romeo 2500 6C Coloniale del 1942, che ho postato sopra, il faro ha il bordo cromato, cosa che generalmente non dovrebbe essere prevista per alcun veicolo militare.
I cerchi ed i raggi anche dovrebbero essere opachi, neri o sabbia, ma non cromati!

Anche ad esempio il Nuovo falcone militare in livrea verde oliva è pieno di parti cromate (faro, cerchi , raggi, manubrio, marmitte ecc.). Ma come è possibile che negli anni '70 il N.F. non veniva verniciato secondo gli elementari standard di mimetismo militare e cioè evitando superfici riflettenti???

Grazie ancora

Diego
dondiego
Utente Registrato
 
Messaggi: 14
Iscritto il: dom set 30, 2007 6:36 pm

Messaggioda Nello » gio feb 21, 2008 9:50 am

Ciao a tutti come da oggetto sarei interessato al vero codice colore del superalce militare. Girando 5 colorifici ho avuto 5 colori diversi. Sapete darmi qualche dritta?
Ciao e grazie Very Happy
Nello
Staff
 
Messaggi: 3554
Iscritto il: lun ott 27, 2003 12:04 pm

Messaggioda Nello » ven ago 07, 2009 5:22 pm

Ciao,
DonDiego mi invia in pm questa info sui Coloniali
Grazie Mille

Nello


CODICI LECHLER OMOLOGATI DALL'ASI A SEGUITO DI CAMPIONATURA DI VEICOLI MILITARI COLONIALI ORIGINALI.

(ringraziando per la collaborazione del Sig. Stefano FERRIGNO della LECHLER Italia)


1) codice MIL 1 COLONIALE (8081)

(tende al verde chiaro)

E' il colore ufficiale esercito Italiano utilizzato per le prime campagne in Africa Orientale (Somalia/Eritrea)


2) codice MIL 2 SABBIA (8067)

(è il classico colore coloniale militare tendente al beige/ocra)

E' il colore ufficiale dell'Esercito Italiano utilizzato per le campagne in Africa Settentrionale (LIBIA).
E' inoltre il medesimo colore militare ufficiale anche dei veicoli coloniali inglesi, e dall'Africa Korp tedesco.

La sua diffusione l'ha reso il classico e ben conosciuto colore coloniale militare.

(Particolarità: coincide ESATTAMENTE con il colore sandglow LRC 361 (giallo camel trophy),

----------

N.B. Il colore militare coloniale a tinta unica 8067 MIL 2, utilizzato dagli inglesi, italiani e tedeschi, è stato riconosciuto dalla NATO, in quanto già utilizzato dagli inglesi, ed utilizzato dall'Esercito Italiano fino alla fine degli anni '80 (distaccamenti militari all'estero in aree coloniali e personale distaccato presso le ambasciate dove previsto), dopodichè si è passato al colore mimetico a chiazze, NATO ancora oggi in vigore.

---------

qui il link ai colori omologati ASI/LECHLER:

http://www.lechler.it/download/PDF%20RE ... LER%20.pdf

---------


CODICI COLORI MOTO GUZZI

1) beige villa Glori 440
2) colore beige sabbia GUZ 31A

Sono il medesimo colore è cioè un beige molto chiaro quasi avorio che è quello adottato dai Nuovi Falcone civili Mod. Sahara.
Non è un colore utilizzato dall'E.I. nelle campagne d'Africa, ma è un colore arbitrario della Guzzi, forse diluendo il colore militare coloniale vero (probabilmente il MIL 2 "Sabbia"), con bianco.
Nello
Staff
 
Messaggi: 3554
Iscritto il: lun ott 27, 2003 12:04 pm

Messaggioda gtv47 » sab ago 08, 2009 9:07 am

Grazie per le informazioni!
Effettivamente il beige villa glory del NF è una tinta arbitraria ispirata all'ambiente del deserto come pure le scritte in alfabeto nostrano sono ispirate al modo di scrivere arabo.
Ciao
Vanni
Avatar utente
gtv47
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 1505
Iscritto il: mer giu 02, 2004 6:03 pm

Smontaggio dinamo superalce

Messaggioda CiccioSuperAlce » mar gen 05, 2010 1:31 pm

Ciao A tutti mi chiamo Francesco per gli amici sono CiccioSuperAlce....

ho un problemino, sicuramente per voi molto semplice ma per me complicatissimo...
sto rimettendo in sesto una superalce credo del 49 devo smontare il gruppo dinamo... ma non ce modo di sganciarlo..

ho letto il manuale d'officina e mi dice di procedere come per lo smontaggio del magnete...

in buona sostanza io.
1) allento la fascetta metallica che tiene la dinamo ancorata al blocco.
2) provo a tirarla verso sx (unica lato di uscita).
3) non si sgancia.
Esce di poco qualche cm dall'alloggio dove c'è il volano...

qualcuno puo darmi una dritta... forse c'e da mettere in linea qualche altro elemento..????


p.s.
il motivo per qui la devo smontare è che provandola con un tester prima mi dava tensione tra 6,3 e 7,3v poi dopo un pooo mi usciva a 12,6 v poi non funzionò piuuu...quindi vorrei revisionarla...

Grazie a tutti
Saluti
CiccioSuperAlce
CiccioSuperAlce
Utente Registrato
 
Messaggi: 1
Iscritto il: dom gen 03, 2010 10:12 pm

Messaggioda ericino » ven gen 15, 2010 11:53 am

mi aggancio a questo link per chiedere se è possibile sapere l'anno di immatricolazione di un super alce tramite il nr. del telaio;
Grazie anticipate
Avatar utente
ericino
Utente Registrato
 
Messaggi: 46
Iscritto il: dom apr 13, 2008 7:25 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: Galletto 192 A.E. 1964
GT 850 California 1972
Falcone 500 1962

Messaggioda gtv47 » ven gen 15, 2010 4:42 pm

X Ciccio:
Probabilmente avrai già risolto, però mi pare che bisogna togliere l'ingranaggio dall'altro lato.
X Ericino:
Si può risalire ai dati di produzione facendone richiesta in Guzzi, o cercando il cetificato d'origine oppure una dichiarazione che comunque costa 50 € ( il costo della ricerca).
Scrivi oppure mande email, non danno risposte telefoniche ma inviano la documentazione in contrassegno.
Ciao
Vanni
Avatar utente
gtv47
Socio Tesserato 2017
 
Messaggi: 1505
Iscritto il: mer giu 02, 2004 6:03 pm

Messaggioda Pietro » lun gen 18, 2010 8:07 am

Su motociclismo d'epoca di qusto mese parlano del Superalce

Ciao
Avatar utente
Pietro
Utente Registrato
 
Messaggi: 792
Iscritto il: ven gen 28, 2005 3:14 pm
Località: Lecco

Re: SuperAlce

Messaggioda Sethi » mer ago 31, 2011 1:40 pm

Ciao a tutti,
finalmente dopo un bel pò di tempo che era rimasto fermo in garage, stiamo rimettendo in funzione questo glorioso mezzo.

Guardandolo qua e la abbiamo visto dei componenti da sostituire da subito: pneumatici, corde, freni un pò di cablaggio vario.

Volevo qualche aiuto da voi:
-Come faccio a sapere l'anno di costruzione di questo Superalce militare (ha l'anticipo manuale e molte parti cromate, quindi è sicuramente stato prodotto prima del '51 per via dell'anticipo).
-Dove trovo le "pastiglie", pneumatici e che tipo devo mettere?
-Che tipo di cavo veniva utilizzato per il cablaggio, telato o di plastica nera?
Breva 850 - Vespa PX125E - Superalce 500 Esercito
Avatar utente
Sethi
Utente Registrato
 
Messaggi: 99
Iscritto il: dom mag 11, 2008 10:16 pm
Località: Arezzo

Re: SuperAlce

Messaggioda Nello » mer ago 31, 2011 5:15 pm

Sethi ha scritto:Volevo qualche aiuto da voi:
-Come faccio a sapere l'anno di costruzione di questo Superalce militare (ha l'anticipo manuale e molte parti cromate, quindi è sicuramente stato prodotto prima del '51 per via dell'anticipo).
-Dove trovo le "pastiglie", pneumatici e che tipo devo mettere?
-Che tipo di cavo veniva utilizzato per il cablaggio, telato o di plastica nera?



Ciao,

Per l'anno di costruzione forse ti servirà il certificato storico della Guzzi. Stasera do un occhiata al colombo, ma mi pare che per i mezzi militari i seriali fossero alla rinfusa ...

qui un po di ricambisti : viewtopic.php?f=9&t=45417

Per il resto devi aspettare qualcuno che ha già restaurato ...
Nello
Staff
 
Messaggi: 3554
Iscritto il: lun ott 27, 2003 12:04 pm

Re: SuperAlce

Messaggioda Sethi » mer ago 31, 2011 10:49 pm

Grazie, se trovi qualche numero di telaio per stabilire grossomodo l'anno di costruzione te ne sarei grato. Poi più avanti chiederò il certificato di nascita a mamma Guzzi.
Breva 850 - Vespa PX125E - Superalce 500 Esercito
Avatar utente
Sethi
Utente Registrato
 
Messaggi: 99
Iscritto il: dom mag 11, 2008 10:16 pm
Località: Arezzo

Prossimo

Torna a Consigli d'epoca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite