Banner Anima Guzzista Banner Anima Guzzista Banner Noleggiomoto.rent

Raffreddamento ad aria

L'unico, autentico, inimitabile....

Raffreddamento ad aria

Messaggioda DannyTheKid » sab mag 25, 2019 2:52 pm

Ciao a tutti, ho una Guzzi V7III da poco più di una settimana e sono contentissimo di essermi addentrato nel fitto mondo che c e dietro questo marchio. Tra le miriadi di caratteristiche che mi attirava molto di questa moto c era anche il raffreddamento ad aria, semplice, conveniente, affidabile ecc. Tutto molto bello ma poi mi trovo la moto tra le gambe e mi restano solo i dubbi! Ad esempio:
- Quando si dice che la moto va fatta scaldare, lo posso sentire anche con la mano sulla testa del cilindro quando è calda?
- Se la moto si surriscalda si accende una spia da qualche parte o si rompe e basta?
- Come faccio a capire se sto surriscaldando la moto?

Capisco che son domande che faranno ridere molti di voi ma io ho alle spalle solo 110.000km su moto raffreddate a liquido!
V7III “Il Bacarozzo”
DannyTheKid
Utente Registrato
 
Messaggi: 189
Iscritto il: lun mag 20, 2019 9:45 am
La/le tua/e Moto Guzzi: V7III Stone

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda Ardito » sab mag 25, 2019 3:02 pm

Ciao
- per farla scaldare bastano 10/15 secondi(in inverno anche 30 ma non esagerare), come diceva Rocco Mostronovecento il motore deve scaldarsi con la marcia.
- si dovrebbe avere un allarme sul display che ti indica quando si scalda troppo
- in teoria dovresti avere o un termometro che misura la temperatura del motore(o olio motore) o qualcosa che legga la temperatura letta dal sensore già installato(tipo un'app).

Non farti troppi problemi, usala e vedrai che sarà molto difficile che ti si scalda troppo.
Alberto "Memento Audere Semper"
MGCM n° 1138
Pressa le V35
Avatar utente
Ardito
Utente Registrato
 
Messaggi: 2799
Iscritto il: mer ago 15, 2007 9:33 pm
Località: Casale Corte Cerro(VB)
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Morini Excalibur 350 ex SP 1000 '82 ex California 1000 III Carb. '91, Stelvio 4V '08.

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda rugi56 » sab mag 25, 2019 3:04 pm

benvenuto
1) la moto va fatta riscaldare solo all'inverno per un max di 5 min se proprio proprio vuoi, io mai fatto è ovvio che per i primi 10/15 km non gli tiri il collo al max dei giri
2) non esiste nessuna spia che ti indica il surriscaldamento
3) la moto si surriscalda solamente se la lasci ferma in moto per tanto tempo non avendo l'aria che asporta il calore
sono progettate apposta, pensa che io ho provato a misurare la temperatura dei cilindri sulla mia con una termocamera, appena arrivato da un giro
85°


all'inverno io ci metto i guanti sopra le teste ed anche le mani per riscaldarle

non farti queste paturnie, tienila ben tagliandata e goditi la strada
se le cose vanno male il corpo non deve soffrire
Avatar utente
rugi56
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 5849
Iscritto il: sab nov 06, 2004 10:43 pm
Località: vicenza (prov.)
La/le tua/e Moto Guzzi: california ev del 1998 "la giuseppa"
breva 1100 del 2007 " la rossa "
LE MANS III DEL 82 "la fenice"

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda DannyTheKid » sab mag 25, 2019 3:12 pm

Grazie per i consigli!
Non so di dove siate ma io vivo a Roma e quando il traffico è bloccato rischi di rimanere veramente fermo per parecchio tempo, i dubbi mi sono venuti ieri dopo 45 minuti a passo d uomo! Ad un certo punto la moto ha cambiato rumore ed era più... profondo, come se avessi cambiato scarico... quindi mi sono fatto venire il dubbio. Immagino che L unica in questi casi sia fermarsi e aspettare ma quando fermarsi?
Rischio di danneggiare la moto in queste condizioni?
V7III “Il Bacarozzo”
DannyTheKid
Utente Registrato
 
Messaggi: 189
Iscritto il: lun mag 20, 2019 9:45 am
La/le tua/e Moto Guzzi: V7III Stone

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda TODD » sab mag 25, 2019 3:20 pm

allora, la mia non è il v7 ma magari qualcosa è in comune:

alla partenza io la accendo dopo che ci sono salito per far distribuire bene l'olio (non ho il cavalletto centrale), la tengo al minimo circa un mezzo minuto credo, se parto troppo presto dopo l'accensione sento che i primi metri "zoppica" un pochino. all'inizio non tirare mai a freddo, ma quello vale per qualsiasi motore, io esco di città senza passare i 3000 giri, anche meno, e metto una sesta sui 90 orari per qualche km.

discorso spia: nella mia si accende il vistosissimo triangolo rosso che ti copre tutto il display o quasi. mi è accaduto una volta sola a dire il vero, e non era nemmeno troppo caldo, ma in condizioni di tangenziale di Milano congestionata e traffico che stava fermo o si muoveva per qualche metro a passo d'uomo. prima della spia comunque si sentiva anche un odore differente. se capita accosta subito, spegni e fai passare qualche minuto. poi se puoi scorrere a velocità anche bassa, dopo anche con 40 gradi io non ho mai avuto ulteriori problemi.
l'anno prossimo cambio moto.....forse......
Avatar utente
TODD
Utente Registrato
 
Messaggi: 2171
Iscritto il: mar mag 24, 2016 10:11 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: Breva 1200

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda bicilinder » sab mag 25, 2019 3:21 pm

Ardito ha scritto:- per farla scaldare bastano 10/15 secondi(in inverno anche 30).


rugi56 ha scritto:1) la moto va fatta riscaldare solo all'inverno per un max di 5 min


rugi56 ha scritto:2) non esiste nessuna spia che ti indica il surriscaldamento


Ardito ha scritto:-
- si dovrebbe avere un allarme sul display che ti indica quando si scalda troppo
.


Attento, questi due li conosco, sono dei furbacchioni: si sono messi d'accordo per confonderti le idee :asd:

:volemose:
Antonio
tessera 2018 n. 57
Avatar utente
bicilinder
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 4252
Iscritto il: lun nov 01, 2010 12:49 am
Località: bassolodigiano
La/le tua/e Moto Guzzi: mg 1064 california - mm 1187 bialbero corsacorta

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda rb22 » sab mag 25, 2019 3:31 pm

Io ho fatto più del tuo chilometraggio su moto raffreddate a liquido sulle 3 Guzzi che ho avuto e devo dire che concordo su quello che è stato detto,anche a me è capitato di fare in coda diversi minuti a passo d’uomo ma non mi è mai successo niente.
L’unica accortezza che ho riguardo al raffreddamento è di spengere la moto quando d’estate mi fermo ad un semaforo di quelli che indicano in caso di lavori il senso alternato visto che sono molto più lunghi dei tempi di un normale semaforo.
Ma ripeto,solo d’estate con 35 gradi!
Goditi la moto :ok:
rb22
Utente Registrato
 
Messaggi: 1350
Iscritto il: mar mar 22, 2011 9:45 pm
La/le tua/e Moto Guzzi: norge 1200

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda Bibobomio » sab mag 25, 2019 4:32 pm

Aggiungo solo una cosa; goditi la moto, accendila e vai.
Bibobomio
Utente Registrato
 
Messaggi: 1741
Iscritto il: dom ago 17, 2014 6:32 pm
Località: Svizzerachepiùasudnonsipuò!
La/le tua/e Moto Guzzi: C'è di nuovo una MotoGuzzi nel box!
Breva 1100 rossa

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda Ardito » sab mag 25, 2019 4:57 pm

@bicilinder: la Stelvio quando va in alta temperature motore mi sembra che esca la scritta service con triangolino rosso acceso, credo che anche il V7 III abbia questo avviso.
@DannytheKyd se dovesse raggiungere temperature pericolose per il motore(credo intorno ai 125° o più) al limite si spegne o va in recovery.
Alberto "Memento Audere Semper"
MGCM n° 1138
Pressa le V35
Avatar utente
Ardito
Utente Registrato
 
Messaggi: 2799
Iscritto il: mer ago 15, 2007 9:33 pm
Località: Casale Corte Cerro(VB)
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Morini Excalibur 350 ex SP 1000 '82 ex California 1000 III Carb. '91, Stelvio 4V '08.

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda nuradler » sab mag 25, 2019 5:02 pm

DannyTheKid ha scritto:Ciao a tutti, ho una Guzzi V7III da poco più di una settimana e sono contentissimo di essermi addentrato nel fitto mondo che c e dietro questo marchio. Tra le miriadi di caratteristiche che mi attirava molto di questa moto c era anche il raffreddamento ad aria, semplice, conveniente, affidabile ecc. Tutto molto bello ma poi mi trovo la moto tra le gambe e mi restano solo i dubbi! Ad esempio:
- Quando si dice che la moto va fatta scaldare, lo posso sentire anche con la mano sulla testa del cilindro quando è calda?
- Se la moto si surriscalda si accende una spia da qualche parte o si rompe e basta?
- Come faccio a capire se sto surriscaldando la moto?

Capisco che son domande che faranno ridere molti di voi ma io ho alle spalle solo 110.000km su moto raffreddate a liquido!


ciao e benvenuto :D
ricordati che il raffreddamento del motore è dato anche dall'olio che c'è nei carter e che circola nel motore e non solo dall'aria , come altri Guzzisti qui tutti abbiamo fatto colonna a passo d'uomo anche per parecchio ...d'estate e naturalmente sotto 30/35 gradi .
Mai sentito che qualcuno abbia avuto problemi seri a parte un po di temperatura tra le gambe dopo parecchio che sei in fila ,appena svicoli la fila o colonna ...passa tutto ...o al massimo se la vedi brutta ti fermi e spegni il motore.

Buona strada :ok:
Senza Guzzi vita grigia

** Anima solo Guzzista **
Avatar utente
nuradler
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 1849
Iscritto il: lun dic 14, 2009 11:57 pm
Località: Provincia di Bergamo
La/le tua/e Moto Guzzi: Quattro aquile e una Guzzi

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda olfra » sab mag 25, 2019 5:12 pm

Anzi, tipicamente in coda un bi arrangiato come il Guzzi, è forse il meno peggio, parlando per mie esperienze personali.
Le alternative sono avere un cilindro sotto i gioielli, o una phonatura copiosa delle ventole dal radiatore, opzioni non sempre rosee.

Anche se devo dire che con la bruciariso quadri che sto utilizzando, hanno gestito il flusso di calore veramente bene, utilizzando molto intelligentemente la semicarenatura.

Dipende appunto dal tipo di moto, ma vai sereno.
Avatar utente
olfra
Utente Registrato
 
Messaggi: 529
Iscritto il: mer feb 06, 2019 11:50 pm
Località: Su, dove volteggiano V35

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda francesco57 » sab mag 25, 2019 5:48 pm

RAFFREDDAMENTO

Effettivamente, il raffreddamento ad aria richiede un po di sensibilità nell'utilizzo delle nostre moto.
E' vero che l'olio lubrificante ha lo scopo di abbassare la temperatura del motore, è l'aria che raffredda il motore mantenendolo alla
temperatura ideale.
Sempre più spesso ci troviamo in colonna nel traffico, oppure avanziamo molto lentamente, queste sono situazioni oggettivamente
critiche per i nostri GUZZI.
In questi casi dobbiamo valutare quanto dura la situazione, se non abbiamo spie che ci avvertono, è bene fare particolare attenzione.
Per quanto riguarda la partenza a motore " freddo ", una breve spiegazione tecnica:
I motori raffreddati ad aria hanno tolleranze tra pistone e cilindro superiori a quelli raffreddati a liquido.
Pertanto, all'avviamento a freddo è bene NON ACCELERARE, lasciare girare il motore a basso regime, in modo tale che il lubrificante raggiunga
la pressione d'esercizio e raggiunga tutti i punti del motore e avvenga la corretta dilatazione tra pistone e cilindro.
Se la temperatura ambientale è estiva, sono sufficienti un paio di minuti, appena si avverte che i coperchi delle valvole sono tiepidi.
francesco57
 

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda bicilinder » sab mag 25, 2019 7:35 pm

Ardito ha scritto:@bicilinder: la Stelvio quando va in alta temperature motore mi sembra che esca la scritta service con triangolino rosso acceso, credo che anche il V7 III abbia questo avviso.
.

sicuramente è così :ok:

è che io e il buon Rugi siamo rimasti ai "Ferri Vecchi" :smokin

Oltretutto, per scaldare il motore, faccio esattamente come te: pochi secondi in estate e qualche secondo in più in inverno. Poi procedo a bassi giri per un po'.

Al nostro amico che ha aperto il topic dico che a me è successo una volta, in montagna, a causa di una gara ciclistica, di avvertire i sintomi di cui parlava: rumore diverso e anche un odore diverso.... siccome la situazione traffico non si risolveva rapidamente, nel dubbio, ho accostato e spento il motore per un po' :celebrate:
Antonio
tessera 2018 n. 57
Avatar utente
bicilinder
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 4252
Iscritto il: lun nov 01, 2010 12:49 am
Località: bassolodigiano
La/le tua/e Moto Guzzi: mg 1064 california - mm 1187 bialbero corsacorta

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda karamazoff » sab mag 25, 2019 9:25 pm

Dopo anni ed anni di moto ad aria.....io le mie Guzzi, nello specifico, le scaldo in marcia.
Metto in moto, qualche secondo....15/20 fermo e poi inserita la marcia parto con l’accortezza di non tirare le marce ovviamente. Dopo una decina di minuti a velocità e giri non elevati la moto è pronta !!

Sulla breva bastava percorrere 3/4 km ed anche il cambio migliorava vistosamente !

Sulla breva, in estate torrida, in fila dopo ore di autostrada al casello di Merano e un’altra volta di Ventimiglia si è accesa la spia service X eccessiva caloria del motore.

In quel caso, visto che l’olio c’era.... ho inserito la marcia ed invece di stare fermo sono ripartito a bassi giri con le marce lunghe piano piano e l’ho fatta raffreddare.... dopo un paio di minuti la spia si è spenta per temperatura tornata nella norma.

Da allora se la fila è lunga spengo il motore nell’attesa !

La cali 1400 che ho ora sembra pronta anche da subito, non strappa a freddo !

Mi raccomando olio rigorosamente 10w60 !

Karamazoff
karamazoff
Utente Registrato
 
Messaggi: 416
Iscritto il: mar giu 27, 2006 10:38 pm

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda ziofrenk » sab mag 25, 2019 9:59 pm

Aria non gela, aria non bolle, e se lo diceva Ferdinand......

in inverno per scaldare la moto ad iniezione la accendo, salgo e parto, in estate salgo, l'accendo e parto.

per quelle a carburatore, in inverno tiro la levetta dell'arricchitore e dopo un minuto al minimo parto, in estate invece parto subito.

problemi di surriscaldamento ne ho avuti di più con le moto raffreddate a liquido, col Transalp in estate se rimanevo in colonna bolliva l'acqua! :arrabbiato:
Babbo Natale è peggio del maiale
Avatar utente
ziofrenk
Utente Registrato
 
Messaggi: 53
Iscritto il: sab ago 09, 2014 9:13 am
Località: Lug dla Rumagna
La/le tua/e Moto Guzzi: MG V35C , MG V35 Imola, MG V35 II, MG CC1400

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda vinbrulè » sab mag 25, 2019 10:11 pm

Nella mia ho il termometro dell' olio...epperò c'è il radiatore dell'olio.
In ogni caso anche rimanendo col motore acceso fermi in estate a quei semafori dei cantieri...la temperatura saliva a tre quarti...vale a dire oltre la metà che rappresenta la normale temperatura di esercizio.
Ducati 900 SS
Avatar utente
vinbrulè
Utente Registrato
 
Messaggi: 11775
Iscritto il: ven dic 12, 2008 12:16 am
La/le tua/e Moto Guzzi: Ducati 900 SS
ex Suzuki GSF 400
ex V65 Lario 4V
ex Suzuki RG 250
ex Le Mans 850 II
ex Suzuki GSX-R 750 '91
ex V65 Lario 2V
ex 1200 Sport 2V

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda apemaia » sab mag 25, 2019 11:59 pm

Benvenuto! :foryou:
Poi magari dicci anche di te.
Avatar utente
apemaia
Socio Tesserato 2019
 
Messaggi: 2871
Iscritto il: dom feb 02, 2014 9:45 pm
Località: Treviso
La/le tua/e Moto Guzzi: Furia G&B

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda DannyTheKid » lun mag 27, 2019 3:21 pm

Grazie mille per i consigli, L unica cosa che non ho capito è se questa spia esiste.
Sono rimasto deluso dal fatto che la MGMP non fosse di serie e che mi costerebbe 200 euro circa!
Sono comunque molto contento di questa moto e la ricomprerei subito!
Immagino che il motore vada tenuto pulito per far sì che lo sporco non impedisca di raffreddarlo ma è comunque una finezza!
Grazie ancora
V7III “Il Bacarozzo”
DannyTheKid
Utente Registrato
 
Messaggi: 189
Iscritto il: lun mag 20, 2019 9:45 am
La/le tua/e Moto Guzzi: V7III Stone

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda Dogwalker » lun mag 27, 2019 4:20 pm

Benvenuto! :D
DannyTheKid ha scritto:- Quando si dice che la moto va fatta scaldare, lo posso sentire anche con la mano sulla testa del cilindro quando è calda?

Un motore raffreddato ad acqua freddo ha la stessa temperatura di un motore raffreddato ad aria freddo. Con i motori raffreddati ad acqua che fai? Accendi e parti. Idem con i motori raffreddati ad aria.
I motori raffreddati ad aria ci mettono un po' di più per raggiungere la temperatura ottimale di esercizio una volta che sono in moto, ma sono costruiti apposta.
Dal manuale d'officina del V7III (in inglese) "DO NOT LET THE ENGINE IDLE WITH THE VEHICLE AT STANDSTILL TO WARM UP THE ENGINE OIL AND REACH THE OPERATING TEMPERATURE OF ENGINE OIL"

DannyTheKid ha scritto:- Se la moto si surriscalda si accende una spia da qualche parte o si rompe e basta?
- Come faccio a capire se sto surriscaldando la moto?

Esiste un sensore di temperatura del motore. La centralina lo usa per calcolare la corretta composizione della miscela aria/benzina. Se mandi un messaggio di errore, o spenga il motore, quando la temperatura esce fuori da certi parametri, non lo so. Il fatto è che è estremamente difficile che un motore raffreddato ad aria si surriscaldi e, se mai il motore gripperà (evento tanto raro da rasentare l'assurdo) al 90% non sarà perchè era troppo caldo.

In pratica, non ti fare troppi problemi. Il raffreddamento ad aria esiste per non dover stare a pensare al circuito di raffreddamento.

DogW
Attività Neurali Avanzate ®
Avatar utente
Dogwalker
Utente Registrato
 
Messaggi: 25493
Iscritto il: lun ott 27, 2003 8:32 pm

Re: Raffreddamento ad aria

Messaggioda Gatto del Cheshire » lun mag 27, 2019 6:50 pm

Il raffreddamento ad aria è stato creato per cavar fuori più CV da un motore. Lo stesso risultato si può ottenere aumentando la cilindrata e tenendo solo il radiatore dell'olio, che non rovina la fisionomia delle moto.
Ho sempre odiato i radiatori e amato i cilindri alettati. Sarò un nostalgico ?
Avatar utente
Gatto del Cheshire
Utente Registrato
 
Messaggi: 26636
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:34 am
Località: Milano
La/le tua/e Moto Guzzi: ex Breva 750
ora YBR 250

Prossimo

Torna a Forum Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 24 ospiti